In zona Greco nasce Il giardino di Bing

Nasce Il giardino di Bing a Milano in zona Greco. Cittadini, associazioni e Comune trasformano un’area dismessa tra Naviglio Martesana e ferrovia in uno spazio verde con fiori, alberi da frutto e un orto condiviso

Un patto per un’area verde abbandonata e degradata che in poco più di un anno è tornata ad essere un giardino fiorito. A pochi passi dalla piazzetta del quartiere di Greco, a ridosso del Naviglio Martesana e della ferrovia, i cittadini hanno lavorato insieme al Comune per uno spazio aperto condiviso: Il giardino di Bing.

I lavori di pulizia e di ripristino del verde sono stati svolti da un gruppo di volontari con l’aiuto di diverse realtà, tra cui la ditta Borgo Cascina Conti. Tutti si sono dati da fare e hanno trasformato un’area abbandonata e marginale in un esperimento sociale importante. E ci sono riusciti. La gestione partecipata del Giardino Bing si è ufficializzata con la firma del Patto di Collaborazione tra Amministrazione comunale, Legambiente Milano, la cooperativa ABCittà. Ancora, Associazione FAS Ferrante Aporti Sammartini, la social street Greco Positiva e la ditta Borgo Cascina Conti. Il Giardino condiviso sorge all’interno di un’area più ampia di poco meno di un ettaro. Questa prevede anche la realizzazione di un’area cani, orti urbani e uno spazio giochi per i bambini.


Il Patto di Collaborazione per il Giardino di Bing è il quarantaquattresimo accordo sottoscritto da Comune, cittadini e associazioni per realizzare piccoli e medi progetti diffusi nei vari . Fortemente voluti dalla gente, soprattutto per recuperare aree inutilizzate creando spazi di socialità. L’area, priva di recinzione, è frequentata ogni giorno dai residenti del quartiere. Infine, una segnaletica temporanea indica ai cittadini come muoversi nel giardino in base alle disposizioni anti Covid-19.

Leggi anche:

Milano 2020, la strategia per la ripartenza
Disinfettanti e detergenti, quali usare e come
Raccolta rifiuti domestici in emergenza sanitaria: le regole