Hug Therapy: i peluche da abbracciare arrivano a Milano

L’Hug Therapy prende piede anche a Milano nel concept store di via Turati “Biancolatte”: peluche da abbracciare per migliorare l’umore

L’Hug Therapy è, indubbiamente, la novità del momento. Secondo l’Università di Amsterdam, infatti, la terapia dell’abbraccio aiuta a fronteggiare ansia e stress, rendendoci mentalmente più forti. Sembra scontato, dunque, il suo arrivo a Milano: città frenetica per eccellenza. Precisamente, la frontiera dei free hugs prende piede nella metropoli a partire dallo storico locale di via Turati Biancolatte.

All’interno del locale milanese è stato creato “un angolo incantato”: così i proprietari definiscono Biancolatte Hugs, il primo shop di pupazzi in cui chiunque può abbracciare gratis un peluche gigante. Un grande coniglio bianco che indossa una maglietta con la scritta Free Hugs, infatti, è sempre lì per essere abbracciato e lenire ansie e depressioni.


Il parere degli esperti

Non è un mistero o una novità il fatto che gli abbracci aiutino da sempre a sentirsi meno soli. È da questa considerazione, dunque, che nasce l’Hug Therapy. Secondo gli esperti, infatti, abbracciare un peluche permette a grandi e piccini di dimenticare tutti i problemi della quotidianità per un momento.

La frontiera dei free hugs, ovvero abbracci gratuiti dati da persone in giro per la città, ha le sue radici nei paesi del Nord Europa. I benefici riscontrati dagli studiosi sulla potenzialità di questa pratica, inoltre, sono inconfutabili. Abbracciare un peluche migliora l’umore delle persone e permette loro di lenire depressione e ansie. È per questo motivo, infatti, che Milano ha voluto accogliere a braccia aperte questa causa.

Quello creato nel concept store di via Turati è un vero e proprio paese dei balocchi in cui domina la dolcezza. Biancolatte Hugs permette di entrare in un mondo fiabesco dalle tonalità color pastello. Qui si trovano pupazzi di ogni tipo: dall’orsetto alla giraffa, fino ad arrivare al gigante coniglio-cerca-abbracci.

Scopri anche:
Bosco Verticale: un’icona nel mondo
Ambrogino d’Oro, ecco di chi si vocifera