cimitero monumentale milano

Cimitero Monumentale: riapertura alle visite guidate

Al via presso il la riapertura alle visite guidate dopo la chiusura per l’emergenza sanitaria. Gruppi, associazioni e guide dovranno prenotare il tour sul sito del Cimitero

A partire da martedì 2 giugno, guide e accompagnatori turistici, associazioni e gruppi organizzati potranno tornare ad ammirare le bellezze del Cimitero Monumentale con la riapertura delle visite guidate. Una riapertura tanto attesa e ottenuta come previsto dall’ordinanza del Sindaco di Milano Beppe Sala dello scorso 4 maggio.

Per garantire il rispetto delle norme e per permettere quindi le visite in totale sicurezza i gruppi potranno accedere solo tramite prenotazione all’indirizzo online del Cimitero Monumentale, disponibile a questo link.


Sarà consentito l’ingresso contemporaneo a un massimo di tre gruppi in visita e, nella fascia oraria selezionata, bisognerà presentarsi all’Infopoint per attuare la verifica della registrazione avvenuta precedentemente.

Il complesso Monumentale

Per l’altissimo valore artistico delle sculture e delle architetture che racchiude, il Cimitero Monumentale è tra i più importanti d’Italia e d’Europa a livello culturale. Si può considerare un vero e proprio museo a cielo aperto. Sono davvero molte le personalità illustri qui sepolte, del passato e del presente. Alessandro Manzoni, Salvatore Quasimodo, Arturo Toscanini, Enzo Tortora. E poi ancora Dario Fo e Franca Rame, Giorgio Gaber, Wanda Osiris, Gino Bramieri, Enzo Jannacci, Alda Merini, solo per citarne alcuni.

Durante l’anno, su prenotazione, è possibile partecipare gratuitamente a visite guidate condotte da risorse interne e da volontari del Servizio Civile. Si può, ancora, visitare il Cimitero Monumentale in autonomia. Sulla piattaforma online si trova la sezione dedicata ai percorsi suggeriti.

Per scoprire le bellezze del Cimitero Monumentale si può consultare il sito monumentale.comune.milano.it.

Leggi anche:

Una targa a Milano per Giorgio Gaber
Paolo Jannacci ci racconta la sua Milano “All that jazz”
L’omaggio ad Alda Merini da una coppia di street artist