Coronavirus, una piattaforma per bambini e famiglie

Nasce una piattaforma online che permette di rimanere in contatto, in emergenza , con genitori e bambini di nidi e scuole dell’infanzia

L’emergenza sanitaria causata dal diffondersi del Coronavirus sprona i comuni a immaginare nuove modalità e forme della comunicazione per rimanere vicini anche ai bambini che non vanno a da diverse settimane. E a proposito di questo, il Comune di Milano ha avviato una sperimentazione tramite una piattaforma online, in piena emergenza sanitaria, per rimanere in contatto con i bambini che frequentano i servizi 0-6 e con le loro famiglie.

Non si tratta di didattica online, di lezioni o di un appuntamento a orari fissi o in streaming. Facilmente deducibile, considerata l’età dei destinatari. Si tratta dunque di un modo per rimanere vicini ai bambini e alle bambine che, con la chiusura improvvisa delle scuole a causa del Coronavirus, hanno subito un brusco distacco dai luoghi della loro quotidianità. I ritmi e i momenti per collegarsi saranno perciò decisi da ciascuna famiglia.


Online, video con tutorial, canzoni, letture di fiabe, foto e molto altro

Queste sono alcune delle iniziative che più di tremila educatrici del Comune stanno proponendo alle famiglie. Non si tratta di contenuti univoci per tutta la città, ma ognuna delle 68 unità educative in cui si divide il sistema milanese ha a disposizione una propria bacheca online sulla piattaforma nella quale caricare i video, le foto, i documenti.

Ogni famiglia ha ricevuto una comunicazione con le modalità per accedere alla piattaforma e una comunicazione relativa alla privacy. Qualora qualcuno non avesse ricevuto la mail, può richiedere ai responsabili dell’unità educativa di riferimento la password individuale per l’accesso.

La sezione dedicata alle scuole dell’infanzia è stata pensata soprattutto per i bambini, mentre quella dei nidi sarà indirizzata prevalentemente ai genitori. Non mancano spazi dedicati al sostegno e alla pedagogia. La piattaforma sarà accessibile a tutti attraverso un semplice smartphone. Maggiori informazioni sul sito del Comune di Milano.

Leggi anche:

Emergenza sanitaria, come spiegarla a un bambino
Didattica digitale, le difficoltà