Buono scuola Lombardia, le richieste fino al 26 novembre

C’è tempo fino al 26 novembre per richiedere il Buono scuola Lombardia. Un aiuto per le famiglie che rientrano nei criteri richiesti, facendo la domanda online

Sono predisposte delle risorse alla famiglia e agli studenti che fanno richiesta di un Buono scuola Lombardia attraverso una procedura online. Il limite massimo è il 26 novembre. Si tratta di un aiuto economico ed effettivo. Il Buono scuola Lombardia può essere richiesto da tutte le famiglie lombarde con figli iscritti presso scuole paritarie o pubbliche (dalla primaria alla secondaria di secondo grado) che prevedano quindi una retta di iscrizione e di frequenza per i percorsi di istruzione e con un indicatore Isee non superiore a 40mila euro.

Anche quest’anno – così commenta il presidente della Attilio Fontana – confermiamo convintamente la nostra politica a favore della libertà di scelta educativa. L’intervento prevede risorse per ben 24 milioni di euro e si ripromette di intercettare migliaia di famiglie lombarde”.

Come richiedere il sostegno

Per poter presentare la domanda al buono scuola bisogna accedere alla piattaforma online bandi.regione.lombardia.it utilizzando il proprio codice Spid (Sistema pubblico di identità digitale) o il codice pin della propria Cns (Carta nazionale dei servizi). Per accedere cliccare qui.

Un servizio online di assistenza tecnica a tutte le famiglie affianca l’utente al momento della procedura nella sezione apposita ‘Bandi online sistema agevolazioni’. È possibile inoltre scrivere una mail all’indirizzo di posta elettronica bandi@regione.lombardia.it. Altrimenti si può contattare anche il numero verde 800.131.151 attivo dal lunedì al sabato escluso i festivi e dalle ore 8 alle ore 20. Per ulteriori informazioni e segnalazioni relative al bando: dotescuola@regione.lombardia.it.

Il nostro canale Kids QUI

Leggi anche:

Milano zona rossa, il sindaco Beppe Sala sospende il pagamento di Area C e delle linee blu dei posteggi
Nuovo Dpcm in vigore dal 5 novembre: cosa si può e cosa non si può fare