Al The Spirit la nuova lista cocktail primavera/estate è tutta da esplorare

Il The Spirit presenta i nuovi drink pensati per i mesi più caldi. Ogni ricetta rende omaggio a un personaggio ‘da viaggio’

Nel bel mezzo della primavera e nell’attesa trepidante di abbracciare l’estate, The Spirit annuncia la sua nuova cocktail list. Una serie di drink frutto dell’estro creativo dei barman di questo locale inaugurato esattamente un anno fa in Via Piacenza 15.

E, anche in questo caso, così come già fatto per la lista presentata lo scorso inverno, ogni ricetta si ispira a un fantasioso mondo mistico, magico e avventuroso. In tutto, dunque, il team di mixologist capitanato dal barmanager Fabio Bacchi, ha ideato 14 cocktail. Ve ne proponiamo tre in anticipo, per non rovinarvi la sorpresa di scoprire gli altri di persona.

Jean Cousin
Jean Cousin: drink con dry curaçao, suze (amaro di genziana) e una spruzzata di cachaça

Il primo drink è legato al viaggio e dedicato a Jean Cousin, l’esploratore francese che alcuni studiosi sostengono abbia scoperto l’America quattro anni prima di Cristoforo Colombo. Il drink è composto da dry curaçao e suze (amaro di genziana), con una spruzzata di cachaça.

Hasecurai Deal
, invece, è un personaggio derivato dall’antica tradizione dei samurai giapponesi e, in questo caso, il drink a lui ispirato usa un mix di ingredienti che uniscono Oriente a Occidente, in un connubio che vede il gin sposare il liquore asiatico Shiso. Infine, con il cocktail Nilo Jewel si vuole rendere omaggio al noto esploratore della seconda metà dell’800, ossia lo scozzese David Livingstone. Il The Spirit, in questo caso, ha realizzato una bevanda che miscela sapori scozzesi con quelli africani, da una parte il single malt Glenlivet Nàdurra, dall’altra una serie di spezie ed erbe del Continente Nero.

The Spirit: Nilo Jewel
Nilo Jewel: il single malt Glenlivet Nàdurra si sposa con una serie di spezie e infusi africani

All’attuale drink list primaverile si abbina un poker di finger food composto da: cialda integrale con maionese alla menta e basilico su cui poggia una mini tartare di manzo; focaccina all’olio con stracciatella fresca, pepe nero e julienne di bresaola; crostino con crema al formaggio aromatizzata al rafano, salmone affumicato e spolverata di aneto, per chiudere con una bruschettina con pomodorini secchi, profumo di timo e agrumi e grana.