Ice Stupa 2017, Lobzang Dadul

XXII Triennale, Broken Nature: come salvare il mondo

Evento terminato

Come restituire alla Natura quanto in questi secoli le è stato sottratto? Con Broken Natura, la XXII Triennale di Milano apre una riflessione sulle ferite del pianeta e sulle soluzioni per salvare il mondo

Broken Nature: Design takes on human survival è il tema scelto per la XXII Esposizione Internazionale della Triennale di Milano, dal 1 marzo al 1 settembre nella sede di Palazzo dell’Arte. Indaga la cultura del progetto alla luce del cambiamento climatico e della globale crisi ambientale, proponendo strumenti da adottare per ricucire il rapporto tra uomo e natura. La curatrice di questa edizione della Triennale è Paola Antonelli, senior curator del dipartimento di architettura e di design del MoMa di New York.

Il Canale di arte & design di Milanodabere.it QUI


La XXII Triennale di Milano

Cambiamento climatico e riscaldamento terrestre, inquinamento e oceani di plastica, carestie e migrazioni. Le conseguenze dell’eccessivo sfruttamento del nostro pianeta sta portando l’umanità verso un futuro incerto. Così ripensare il nostro stile di vita e i legami che uniscono la specie umana all’ambiente diventa emergenza. Che richiede il coinvolgimento globale di esperti, scienziati, progettisti, e dell’intera popolazione. “Con Broken Nature la Triennale di Milano torna a essere un luogo in cui si discutono i grandi temi del futuro. Così come è nella sua tradizione a partire dal 1947. Anno in cui fu affrontato il tema dell’abitare e di come ricostruire” ha dichiarato Stefano Boeri.

Questo slideshow richiede JavaScript.

I temi delle passate edizioni della Triennale di Milano

Il presidente della Triennale ha poi ricordato i temi che hanno segnato le successive edizioni dell’Esposizione Internazionale. “Nel 1951 la Triennale chiamò il mondo a parlare delle grandi sfide relative alla produzione industriale. Nel 1960 il tema fu la formazione scolastica in un momento di grandissimo rilancio dell’economia nel mondo. Il tempo libero è stato invece il tema della Triennale del 1964, mentre il rapporto tra la massificazione delle merci e degli individui quello del 1968“. Fino ad arrivare all’edizione del 1988, dedicata al futuro delle città e all’aumento della crescita demografica. La Triennale del 1992, anno del trattato di Kyoto, ha anticipato il tema che viene ora approfondito con Broken Nature.

Le mostre di arte e design da non perdere a Milano QUI

Broken Nature e design ricostituente

In questo scenario, la cultura del progetto non significa solamente architetti e designer. Ma scienziati, innovatori, studiosi, menti che sappiano guardare alle grandi questioni della contemporaneità. Con un atteggiamento propositivo. E questa è la linea guida della XXII Triennale. La curatrice Paola Antonelli ha chiamato artisti, designer, progettisti, scienziati e studiosi di tecnologia, invitandoli a guardare in modo propositivo alla grande sfida del cambiamento climatico. A guardarla, cioè, con un atteggiamento ricostituente. E di proporre così un nuovo stile di vita in tutti gli ambiti della vita quotidiana. Questo è forse l’unico modo con cui possiamo seriamente pensare di rallentare il cambiamento climatico con i suoi effetti distruttivi per il futuro della specie umana.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ricostituente significa lavorare su materiali nuovi, immaginando di utilizzare e di riciclare in modo diverso i materiali che usiamo. Vuol dire anche rapportarci in modo diverso alla natura, e plasmare tutti gli aspetti della vita quotidiana.

La Nazione delle Piante

La XXII Triennale di Milano dedica uno spazio speciale alla Nazione delle Piante. L’esposizione immersiva è curata da Stefano Mancuso, tra le massime autorità nel campo della neurobiologia vegetale. Invita a guardare al mondo delle piante in modo nuovo, usandole per quello che possono insegnarci. “Le piante rappresentano l’85% di tutto quello che è vivo. Questo 85% permette a tutto il pianeta di essere quello che è” ha dichiarato Stefano Mancuso. E ha poi ricordato che “Senza le piante, la terra sarebbe un pezzo di roccia sterile che orbita intorno al sole. Da esse riceviamo tutto. Questi organismi sono un esempio per noi, qualcosa che possiamo imitare per risolvere i nostri problemi“.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Scopri anche:
Celebrazioni dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci
Salone del Mobile 58
Apre nel 2020 il Museo del Design Compasso d’Oro

Informazioni
+39 02724341
Visita il sito web
Dal: 01/03/2019 al: 01/09/2019
Cadorna
Triennale di Milano: nel cuore di Parco Sempione
Viale Alemagna, 6 - Milano
Medio
Dalle 10.30 alle 20.30; chiuso lunedì
Dove
Triennale di Milano: nel cuore di Parco Sempione
La Triennale di Milano, il Palazzo dell'Arte e del Design, nel cuore di Parco Sempione. Moda, Design e Comunicazione Audiovisiva
Mappa