Tracy Chevalier, a Milano con La ricamatrice di Winchester

Evento terminato

L’autrice americana nota per il bestseller “La ragazza con l’orecchino di perla” il 13 gennaio presenta in anteprima alla All Saints’ Anglican Church il suo nuovo avvincente romanzo La ricamatrice di Winchester

Lunedì 13 gennaio, ore 18.30, presso la All Saints’ Anglican Church (via Solferino, 17) l’autrice americana Tracy Chevalier presenta in anteprima al pubblico milanese la sua ultima opera letteraria La ricamatrice di Winchester (Neri Pozza). L’ingresso è libero fino a esaurimento posti previo accredito alla mail redazione@neripozza.it.

Scoprite QUI tutti gli eventi a Milano


Tracy Chevalier, la ragazza con l’orecchino di perla

La scrittrice statunitense Tracy Chevalier (Washington, 1962) è nota presso il grande pubblico soprattutto per la sua opera La ragazza con l’orecchino di perla. Pubblicato nel 2000, il romanzo, ispirato al celebre dipinto di Vermeer, è divenuto infatti un bestseller internazionale dal quale, nel 2003, è stato tratto l’omonimo film interpretato da Scarlett Johansson.

Con La ragazza con l’orecchino di perla Tracy Chevalier ha ottenuto un grandissimo successo di pubblico e di critica. Bestseller internazionali sono stati anche i suoi romanzi successivi: Quando cadono gli angeli, La dama e l’unicorno, L’innocenza, Strane creature e L’ultima fuggitiva (2014).

La ricamatrice di Winchester

Così, dopo vent’anni (e numerosi altri libri di successo) da quella fortunata pubblicazione, l’autrice torna con il nuovo romanzo storico La ricamatrice di Winchester. Il racconto è ambiento nell’Inghilterra degli anni Trenta e offre una storia senza tempo, che, secondo USA Today, renderebbe orgogliosa Jane Austen.

Il libro è nato dall’idea iniziale di voler ambientare la storia in una cattedrale. Quindi, dovendo sceglierne una ho pensato alla Winchester Cathedral anche per la sua storia – incluso il fatto che lì è sepolta Jane Austen

La trama del libro. A 38 anni, Violet Speedwell sembra destinata a un’esistenza da zitella. La Grande Guerra ha infatti preteso il suo tributo: il fidanzato di Violet è morto insieme a migliaia di altri soldati. E ora le donne come lei, rimaste nubili e con scarse probabilità di convolare a nozze, sono ritenute una minaccia per una società basata sul matrimonio. Ma Violet è più che mai intenzionata a vivere contando sulle proprie forze.

Scoprite anche:
Nasce il muro della gentilezza a Milano
Tutte le Milano Week 2020, il calendario
Amitav Ghosh, Venezia e L’isola dei fucili

Informazioni
Dal: 13/01/2020 al: 13/01/2020
Brera
Via Solferino, 17 - Milano
Gratis