Traces of lights: in Triennale, la mostra di Tugnoli sui rifugiati siriani in Libano

Evento terminato

La toccante mostra fotografica Traces of lights allestita in Triennale racconta, attraverso gli scatti dell’italiano Lorenzo Tugnoli, Premio Pulitzer 2019 per la Fotografia, e dello spagnolo Diego Ibarra Sánchez, la vita dei rifugiati siriani in Libano

Dal 2 al 4 maggio la Triennale presenta la mostra Traces of lights del fotografo italiano appena premiato con il Pulitzer Lorenzo Tugnoli e del collega spagnolo Diego Ibarra Sánchez. Organizzata dal Festival dei Diritti Umani in collaborazione con WeWorld Onlus, l’esposizione è a cura di Leonardo Brogioni.

Il Canale arte & design di Milanodabere.it QUI


Traces of lights, la mostra in Triennale

Con la mostra Traces of lights in Triennale, WeWorld Onlus racconta le vite e le storie di donne, uomini e bambini che vivono nei campi informali situati nella valle della Bekaa, in Libano. Illustra alcuni dei progetti organizzati dalla Onlus a sostegno dei rifugiati siriani e della popolazione libanese. In particolare, l’accesso all’acqua e ai servizi igienico-sanitari, all’accoglienza, all’istruzione e ai diritti a chi fugge dalla guerra. Gli interventi mirano inoltre a migliorare l’accessibilità ai servizi per le persone con disabilità e l’inclusione sociale in un territorio che ospita oltre un milione di rifugiati, con l’obiettivo di assicurare condizioni di convivenza pacifica.

Per noi queste persone non sono solo beneficiari, ognuno di loro rappresenta un incontro speciale, fatto di empatia e rispetto (Marco Chiesara, presidente di WeWorld).

I programmi WeWorld sono finanziati da ECHO (Direzione generale per la protezione civile e gli aiuti umanitari dell’Unione Europea), dal MADAD (Fondo Fiduciario Europeo in risposta alla crisi siriana), dal LHF (Fondo Umanitario Libanese delle Nazioni Unite). Inoltre, da UNHCR (Alto Commissariato delle Nazioni per i Rifugiati), da AICS (Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo) e da finanziatori regionali come la Provincia Autonoma di Bolzano.

Traces of lights, la mostra fotografica in Triennale sui rifugiati siriani in Libano, dal 2 al 4 maggio
Traces of lights, la mostra fotografica sui rifugiati siriani in Libano, in Triennale dal 2 al 4 maggio

I fotografi Lorenzo Tugnoli e Diego Ibarra Sánchez

Il lavoro di Lorenzo Tugnoli, dal 2017 fotografo dell’agenzia Contrasto, esplora le conseguenze umanitarie dei conflitti in territori come Yemen, Libia e Libano. Collabora regolarmente con il quotidiano The Washington Post e ha pubblicato anche su The Wall Street Journal e Time Magazine. Il suo reportage nello Yemen è stato selezionato nella categoria Storia dell’Anno del World Press Photo Award 2019. E gli è valso il Premio Pulitzer 2019 per la Fotografia. Gli scatti di Tugnoli che vedremo esposti in Triennale riflettono sulla vita quotidiana che si svolge, in particolare, nel quartiere popolare di Beirut, Naba’a.

Le immagini di Diego Ibarra Sánchez, invece, sono apparse sulle più note pubblicazioni internazionali come il New York Times, Der Spiegel e Al Jazeera. Il fotografo spagnolo pensa che la fotocamera abbia il potenziale di creare cambiamenti sociali. Nei suoi scatti, come quelli in Traces of lights, concentra l’obiettivo sulla ricerca tra la luce e le tenebre nella vita dei rifugiati siriani. Che lottano per la dignità nonostante le difficili condizioni in cui vivono.

Scopri anche:
Milano Arch Week 2019
XXII Triennale, Broken Nature
Liu Bolin e l’arte di scomparire, in mostra al Mudec

Informazioni
+39 0223058245
Visita il sito web
Dal: 02/05/2019 al: 04/05/2019
Cadorna
Triennale di Milano: nel cuore di Parco Sempione
Viale Alemagna, 6 - Milano
Gratis
Dalle 10.30 alle 20.30
Dove
Triennale di Milano: nel cuore di Parco Sempione
La Triennale di Milano, il Palazzo dell'Arte e del Design, nel cuore di Parco Sempione. Moda, Design e Comunicazione Audiovisiva