Stefano Accorsi

Tintoretto al cinema con la voce di Stefano Accorsi

Genio ribelle del Rinascimento, Tintoretto arriva al cinema con il docu-film Tintoretto. Un Ribelle a Venezia. La voce narrante di Stefano Accorsi porta nella Venezia del 1500

In occasione dell’anniversario dei 500 anni dalla nascita, arriva nelle sale cinematografiche, ma solo per pochi giorni dal 25 al 27 febbraio, Tintoretto. Un Ribelle a Venezia. Il docu-film, prodotto da Sky Arte, ha la voce narrante di Stefano Accorsi. Dopo l’anteprima italiana, la pellicola sarà distribuito nei cinema del mondo.

Robusti, Jacopo Robusti. Questo era il vero nome del pittore veneziano (1519-1594), genio ribelle del Rinascimento. Alla professione del padre, un tintore appunto, si deve il nome d’arte Tintoretto. Una figura appassionante e, come si apprende dal film, fuori dall’ordinario quanto la sua arte. Era, infatti, caratterizzata da un’infinita voglia di indipendenza e un amore assoluto per la libertà. Ad esempio è l’unico grande pittore del Rinascimento a non aver mai abbandonato Venezia, nemmeno negli anni della peste.

Il docu-film, con la voce narrante di Stefano Accorsi, immerge nella Venezia del 1500, un secolo culturalmente rigoglioso. Ripercorrendo la vita del Tintoretto, dai primi anni della formazione fino alla morte, l’opera mostra alcuni dei luoghi che più conservano la memoria dell’artista, come l’Archivio di Stato, Palazzo Ducale, Piazza San Marco e la Chiesa di San Rocco.

Ha costruito la sua carriera come una proto-rock star (David Bowie)

Ideato e scritto da Melania G. Mazzucco e con la partecipazione straordinaria del regista Peter Greenaway,Tintoretto. Un Ribelle a Venezia arriva nelle sale cinematografiche solo per tre giorni, il 25, 26, 27 febbraio. È distribuito da Nexo Digital nell’ambito del progetto della Grande Arte al Cinema (elenco sale su nexodigital.it).

Scopri QUI tutti gli eventi a Milano

Tintoretto, il film

Tintoretto. Un Ribelle a Venezia delinea i tratti della Venezia del 1500, un secolo culturalmente rigoglioso che vede tra i suoi protagonisti altri due giganti della pittura come Tiziano e Veronese, eterni rivali di Tintoretto. Un’epoca in cui Venezia conferma il suo dominio marittimo diventando uno dei porti mercantili più potenti d’Europa. E affronta la drammatica peste del 1575-77, che stermina gran parte della popolazione lasciando un segno indelebile nella Laguna. È proprio durante la peste che Jacopo Robusti crea il suo ciclo di dipinti più importante, quelli della Scuola Grande di San Rocco. Si tratta di una serie di opere che coprono la maggior parte delle pareti dell’edificio intitolato alla celebre confraternita. Nessuno all’epoca, nemmeno Michelangelo nella Cappella Sistina, vantava di aver firmato ogni dipinto all’interno di un edificio.

Tintoretto - Un ribelle a Venezia, courtesy: Sky Arts Production Hub
Tintoretto – Un ribelle a Venezia, courtesy: Sky Arts Production Hub

Tintoretto anche a fumetti

Sky Arte festeggia i 500 anni dalla nascita del grande pittore veneziano lanciando, in contemporanea al documentario, anche un’inedita biografia a fumetti. Tintoretto. Un ribelle a Venezia è infatti anche una graphic novel per lettori dai 14 anni, scritta da Alberto Bonanni su disegni di Gianmarco Veronesi. Si tratta della prima pubblicazione a fumetti realizzata da Sky Arte in collaborazione con TIWI, e sarà disponibile in tutte le librerie dal mese di marzo.

Scopri anche:
Capodanno 2019 a Milano: le mostre da non perdere
Gli eventi di Capodanno 2019
Concerto di Capodanno 2019 alla Scala

Informazioni
Visita il sito web
Dal: 25/02/2019 al: 27/02/2019
Vari indirizzi - Milano
Medio
A seconda della programmazione