thom yorke

Thom Yorke

Il leader dei Radiohead a Milano con il suo nuovo show personale, tra rarità e installazioni visual art

Vent’anni fa il primo capolavoro, Ok computer. Poi la svolta elettronica con Kid A. I dischi solisti, le colonne sonore, di cui l’ultima per il remake del classico di Dario Argento Suspiria diretto da Luca Guadagnino con Dakota Johnson. L’impegno politico e civile e il legame speciale con l’Italia, siglato anche con il concerto tenuto lo scorso anno a Macerata a favore della popolazione marchigiana colpita dal sisma. E poi le tournée personali, come quella che il 29 maggio porta Thom Yorke in concerto al Fabrique, durante una pausa dal tour con i Radiohead in America a supporto dell’ultimo album A moon shaped pool.  

Al concerto milanese Thom Yorke porta sul palco del Fabrique un live mix di brani presi dal repertorio dei Radiohead e dei suoi album da solista, molti dei quali suonati poco nei tour della band (come sempre la scaletta è una sorpresa). Quel che è certo è che ad accompagnarlo dal vivo ci sono Nigel Godrich, “il sesto Radiohead”, storico produttore della band di Oxford e co-fondatore insieme a Yorke del supergruppo Atoms for Peace, e le composizioni speciali dell’artista audiovisivo Tarik Barri. Di recente i due hanno collaborato al progetto City Rats, installazione immersiva con oltre cinquanta altoparlanti e sei schermi presentata a Berlino. 

Informazioni
+39 025063008
Dal: 29/05/2018 al: 29/05/2018
Mecenate
Via Fantoli, 9, Milano
Medio
Dove