milanodabere.it

Post Zang Tumb Tuuum

Evento terminato

Oltre 600 opere, tra dipinti, sculture, disegni, fotografie, manifesti, arredi, progetti e modelli architettonici, firmate da più di cento autori e immerse, grazie a ricostruzioni in 3d, nel contesto spaziale, sociale e politico del periodo (tra le due guerre mondiali) in cui sono state create, esposte e interpretate dal pubblico dell’epoca. Dal 18 febbraio al 25 giugno, la Fondazione Prada dedica gli spazi di galleria Sud, Deposito, galleria Nord e Podium alla mostra Post Zang Tumb Tuuum. Art Life Politics: Italia 1918-1943.

Post Zang Tumb Tuuum, dal 18/2 al 25/6 alla Fondazione Prada

Post Zang Tumb Tuuum, dal 18/2 al 25/6 alla Fondazione Prada

Con il titolo che allude all’opera letteraria di Marinetti, l’esposizione, curata da Germano Celant, pone al centro il clima culturale dell’Italia fra le due guerre. Grazie all’ingrandimento in scala reale delle immagini storiche, si possono, ad esempio, ammirare i Gatti futuristi di Giacomo Balla, esattamente come erano esposti alle pareti della Biennale di Roma nel 1925; la prima Mostra del Futurismo alla Biennale di Venezia nel 1926; la ricostruzione della sala dedicata a Gino Severini alla Quadriennale romana del 1935; la ricostruzione di una fotografia che ritrae Marinetti nella sua abitazione romana davanti all’opera storica di Boccioni Dinamismo di un foot-baller (1913).

Marinetti in una ricostruzione fotografica

Marinetti in una ricostruzione fotografica

Nelle 24 ricostruzioni ambientali che scandiscono il percorso espositivo, sono presenti, tra le altre, anche opere di Carlo Carrà, Felice Casorati, Giorgio de Chirico, Fortunato Depero, Filippo de Pisis, Arturo Martini, Fausto Melotti, Giorgio Morandi e Mario Sironi. Al Cinema della Fondazione Prada sono inoltre proiettati 29 cinegiornali integrali (distribuiti nelle sale italiane tra il 1929 e il 1941): selezionati in collaborazione con l’Istituto Luce – Cinecittà, documentano le fasi di allestimento e i momenti di inaugurazione di eventi espositivi del periodo.

L'opera di Giacomo Balla, Canaringatti-Gatti futuristi

L'opera di Giacomo Balla, Canaringatti-Gatti futuristi
Informazioni
02 56662611
Dal: 18/02/2018 al: 25/06/2018
Porta Romana
Largo Isarco, 2 - Milano
n.p.
Dalle ore 10 alle ore 19 (mar. chiuso)
Mappa