milanodabere.it

Pane, riso e fantasia

Evento terminato

Il pane quotidiano si fa prelibato. Il riso diviene prezioso. Ed entrambi abbracciano le bollicine franciacortine. In due incontri ad alto tasso di gusto (ma a un prezzo equo). Anzi, in due cene-laboratori, il 29 marzo e il 5 aprile, capaci di svelare storie di sapori e di passioni. Dove? Alla Dispensa Pani e Vini di Adro, nel Bresciano, grazie alla creatività dello chef Vittorio Fusari, all’esperienza di due grandi artigiani italiani e ai nettari della maison Contadi Castaldi, con i quali osare intriganti abbinamenti.

Ma andiamo con ordine. Ecco allora il format: dalle 18.30 alle 19.30, laboratorio di cucina (a 15 Euro), per scoprire la materia prima, imparando a rispettarla e a valorizzarla in una serie di ricette sotto la guida di cuoco Vittorio; poi, a partire dalle 20, la cena (a 30 Euro), sempre siglata da chef Fusari. Il bello? Che si può partecipare a entrambi oppure al solo corso o al solo dinner.

Ed ecco i protagonisti. Martedì 29 marzo è la volta di Piero Rondolino, pronto a raccontare del suo riso Acquerello, un carnaroli che nasce nella vercellese Tenuta Colombara e che viene “stagionato” nei silos, al fine di migliorare le proprie qualità organolettiche. Un chicco di rango, interpretato in un tris di pietanze che non dimenticano Presìdi Slow Food quali il Fatulì della Val Saviore (da latte di capra bionda dell’Adamello) e il Bagòss di Bagolino (da latte crudo di vacca bruno-alpina). Martedì 5 aprile, tocca invece a Davide Longoni, brianzolo filosofo-fornaio nonché profondo conoscitore della lievitazione naturale con pasta madre. Un pane autentico e primordiale il suo, sublimato in bruschette, zuppa, pappa al pomodoro San Marzano e panino con stracchino di “munta calda”. Altro lombardo Presidio Slow Food delle Valli Orobiche.

Non da ultimi, i vini by Contadi Castaldi, maison che ha sede sempre in quel di Adro. In assaggio? Il Brut (da uve chardonnay e pinot bianco), fresco e lucente, dal bouquet floreale e dalle nuance fruttate; il Satèn (da uve chardonnay e pinot bianco), setoso ed elegante, nei suoi caldi accenni di vaniglia; e lo Zero (da uve chardonnau, pinot nero e pinot bianco), puro e naturale, visto che non prevede alcun dosaggio aggiunto nella fase finale della sboccatura.

  • MENU 29 MARZO “IL RISO CHE FA STAR BENE INSIEME”
  • PRIMA PORTATA
  • Risotto dell’alleanza al Fatulì e Bagòss
  • SECONDA PORTATA
  • Risotto di selvaggina alla polvere di liquirizia
  • TERZA PORTATA
  • Risotto alla milanese
  • NEL CALICE
  • Franciacorta Brut – Contadi Castaldi
  • Franciacorta Satèn – Contadi Castaldi
  • Franciacorta Zero – Contadi Castaldi
  • PREZZO
  • Laboratorio: Euro 15,00
  • Cena: Euro 30,00
  • MENU 5 APRILE “IL PANE… QUOTIDIANO”
  • PRIMA PORTATA
  • Bruschette di pane con il sale e senza sale
  • SECONDA PORTATA
  • Panino con stracchino di “munta calda”
  • TERZA PORTATA
  • Zuppa di pane (panada)
  • QUARTA PORTATA
  • Pappa al pomodoro San Marzano
  • NEL CALICE
  • Franciacorta Brut – Contadi Castaldi
  • Franciacorta Satèn – Contadi Castaldi
  • Franciacorta Zero – Contadi Castaldi
  • PREZZO
  • Laboratorio: Euro 15,00
  • Cena: Euro 30,00
Informazioni
030 7450757
Visita il sito web
Dal: 29/03/2011 al: 05/04/2011
Via Principe Umberto - Adro
n.p.
Laboratorio dalle ore 18.30 alle ore 19.30 Cena alle ore 20.00
Mappa