Milano Anni 60 in mostra a Palazzo Morando

Con la mostra Milano anni 60 Palazzo Morando ripercorre la storia del capoluogo lombardo focalizzandosi su uno dei periodi storici più creativi e produttivi, dal boom economico al design, dalla musica all’arte

Dal 6 novembre al 9 febbraio 2020, Palazzo Morando – Costume Moda Immagine ospita la mostra Milano Anni 60. Curata da Stefano Galli, ripercorre la storia di un decennio irripetibile che ha consacrato il capoluogo lombardo come una delle capitali mondiali della creatività. In esposizione, fotografie, manifesti, riviste ma anche arredi, oggetti di design faranno rivivere l’atmosfera di quell’epoca.

Scoprite QUI tutte le mostre a Milano


Storia di un decennio irripetibile

Negli anni 60, spinta dal boom economico, Milano si trovò a vivere un irrefrenabile fermento culturale, caratterizzato da una forza progettuale senza precedenti. E dalla voglia di lasciarsi alle spalle in maniera definitiva gli orrori della guerra. Sono anni di grande fervore artistico con l’opera di Lucio Fontana e Piero Manzoni. Così come di pietre miliari del design italiano quali Marco Zanuso, Bruno Munari, Vico Magistretti, Achille Castiglioni, Bob Noorda. E di grandi esponenti della fotografia quali Roberto Polillo, Carlo Orsi, Uliano Lucas. Anche la vita notturna conobbe una stagione intensa, con i locali del jazz e artisti come Giorgio Gaber ed Enzo Jannacci, Adriano Celentano e Patty Pravo. Questi sono solo alcuni dei protagonisti della scena milanese che contribuirono all’incanto di quel decennio.

La scena musicale milanese

La stagione della musica nel capoluogo lombardo fu inaugurato con il concerto di Billie Holiday del 1958 allo Smeraldo. E portò all’ombra della Madonnina tutti i grandi del Jazz, da Duke Ellington a Thelonius Monk fino a Chet Baker e Gerry Mulligan affermando Milano fra le capitali del jazz. Ma ospitò anche i più grandi protagonisti della musica pop e rock, con i concerti memorabili dei Beatles al Vigorelli (1965), dei Rolling Stones al Palalido (1967) e di Jimi Hendrix al Piper.

Quello dei Sessanta è stato un decennio di grande fermento culturale, un sogno da cui, però, la città si svegliò bruscamente, il 12 dicembre 1969, con l’attentato alla Banca Nazionale dell’Agricoltura di piazza Fontana.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Milano anni 60, la mostra a Palazzo Morando

L’esposizione, divisa in sezioni, si apre con le immagini della Milano moderna, con gli edifici simbolo come il Pirellone, la Torre Velasca, la Torre dei servizi tecnici comunali, il Centro direzionale, la Torre Galfa. Ma anche con la nascita dei quartieri periferici, tra i quali spiccano Quarto Oggiaro, Olmi, Gallaratese, Gratosoglio. E Comasina, quest’ultimo iniziato nel 1953 e ultimato nel 1960, il più importante intervento edilizio in quegli anni in Italia con i suoi 11.000 vani e 83 palazzi.

Numerosi oggetti rievocano, inoltre, la grande stagione del design, con maestri come Bruno Munari, Marco Zanuso, Vico Magistretti, Achille Castiglioni, Gio Ponti. E raccontano la storia delle aziende milanesi coinvolte in questa clamorosa stagione. Tra tutte Brionvega, Cassina, Kartell, Fontana Arte.

Scoprite anche:
Bookcity a Milanodabere con Giovanni Testori
Eicma 2019, torna la fiera delle due ruote
JazzMi 2019, intervista al direttore artistico Luciano Linzi

Informazioni
+39 0288465735
Visita il sito web
Dal: 06/11/2019 al: 09/02/2020
montenapoleone
Via S. Andrea, 6 - Milano
Medio
Martedì-domenica dalle 10.00 alle 20.00; giovedì dalle 10.00 alle 22.30