Leonardo andrebbe al Pride?, la presentazione del libro

Evento terminato

In occasione di 2020, Stefano Paolo Giussani racconta la sua opera andrebbe al Pride? Appuntamento in diretta streaming sulla pagina Facebook di Libreria Antigone Milano

Ci sono le sue città, Firenze, Milano, Venezia, la Francia. La sua cerchia affettiva e le celebrities che gli ronzano attorno. Come vedeva il mondo e se stesso, c’è il Leonardo animalista, pacifista, vegetariano. E poi ancora “Uno a cui piaceva accompagnarsi con giovani uomini”. Leonardo omosessuale. Almeno, Così è se vi pare. Poiché nelle biografie si accenna soltanto alla sua presunta omosessualità, lo si fa troppo brevemente e perlopiù in relazione ad alcuni dei ritratti maschili. E se Leonardo da Vinci è senza dubbio tra i personaggi più famosi della storia dell’umanità, dell’argomento in questione non c’è una traccia degna. Ecco perché allora Leonardo andrebbe al Pride? (Robin Edizioni, con prefazione di Giuliano Pisapia) dello scrittore e giornalista Stefano Paolo Giussani vuole essere proprio una traccia documentaria. Da una parte, infatti, si continua a celebrare un fenomeno planetario riconosciuto come un’eccellenza italiana. Dall’altra, però, si ignora una parte della sua personalità, probabilmente determinante alla formazione e al percorso del genio.

Non finisce qui. Perché non proiettare Leonardo ai giorni nostri, magari proprio in occasione del Pride? Giussani parte da questo atteggiamento verso le cose della vita per un’esplorazione ricca di suggestioni sulla sensibilità sessuale di Leonardo.


La presentazione del libro

Stefano Paolo Giussani presenta Leonardo andrebbe al Pride? venerdì 26 giugno alle ore 18:30 in diretta streaming attraverso la pagina Facebook di Libreria Antigone Milano. Con lo scrittore dialoga Alessandro Cannavò.

Qui per acquistare il libro.

Molte volte mi sono sentito dire “Ho tanti amici gay, ma…”. Non ho mai capito bene cosa intendesse il mio interlocutore. Ma io non lo sono? Non pratico? Ma cosa? Nella storia dei grandi personaggi c’è un qualcosa di equivalente, e riguarda probabilmente uno degli uomini più famosi mai vissuti.

Partendo da una piccola, ma precisa, parte della mole di dati esistente e con un criterio di indagine simile a quello con il quale si impostano le ricerche documentarie, ho approfondito quella parte di Leonardo che di solito si liquida in poche parole tipo “si pensa fosse omosessuale”, come se l’informazione sia da premettere a tutto quello che fece, salvo poi fuggirne quasi subito e iniziare a decantare le opere e le doti alla stregua di un disco incantato ascoltato mille volte. Tornando al paragone con la frase “o tanti amici gay, ma…”, in Leonardo andrebbe al Pride? ho approfondito quella parte prima della virgola. E senza il ma. (Stefano Paolo Giussani)

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

📍 Da poco in libreria per il Cinquecentesimo anniversario della morte di Leonardo da Vinci, un favoloso “Docu-Libro” sulla vita artistica e privata di colui che possiamo definire senza paura di essere smentiti il Genio assoluto! 📖 Il nostro autore, Stefano Paolo Giussani, attraverso le opere di Leonardo, delinea un percorso del tutto nuovo, che proietta l’artista ai giorni nostri tra gli arcobaleni del Pride. — Reposted• @queerographies 🔎 “Leonardo andrebbe al #Pride?” di #StefanoPaoloGiussani 🏳️‍🌈 Un’esplorazione ricca di suggestioni sulla sensibilità sessuale di #Leonardo. More on #Queerographies, link in bio. . . . . . #gay #gaylit #gaybooks #librigay #bookstagram #ireadgay #instabooks #lgbt #queer #lgbtq #robinedizioni #currentlyreading #instabook #lgbtliterature

Un post condiviso da Robin Edizioni (@robinedizioni) in data:

Informazioni
Visita il sito web
Dal: 26/06/2020 al: 26/06/2020
Facebook/ Libreria Antigone Milano - Milano
Gratis
Dalle 18.30 alle 19:30