Summer is not over, fondazione pini

Fondazione Adolfo Pini, in mostra l’arte di Šejla Kamerić

L’esposizione dell’artista di Sarajevo presenta una selezione di fotografie e installazioni di video art in cui traspare mondo interiore e impegno socio-politico

La Fondazione Adolfo Pini, dal 27 novembre all’8 marzo 2019, presenta il progetto site-specific Summerisnotover di Šejla Kamerić, a cura di Erzen Shkololli.

Una riflessione sulla percezione che abbiamo delle notizie, in particolare su come sia cambiato il ruolo della fotografia e l’utilizzo delle immagini. La pratica artistica di Šejla Kamerić è fortemente influenzata dagli orrori della guerra vissuti in prima persona. Nata a Sarajevo, è cresciuta durante i tre anni e mezzo di bombardamenti della città. Per il suo lavoro artistico, basato su esperienze personali, ricordi e sogni, ha ricevuto ampi consensi.

Con Summerisnotover l’artista ha sviluppato un progetto che si modella sullo spazio espositivo della Fondazione Pini. Il corpo di lavori in mostra parte dall’idea che se storicamente guerre e rivoluzioni hanno spesso avuto inizio in primavera e in estate, oggi queste stagioni sono forse il periodo in cui utilizziamo più intensamente i social media per mettere in mostra le nostre vite.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Scopri QUI tutte le mostre a Milano

Adoperando le stesse tecniche dei social per raggiungere un pubblico diffuso, Summer is not over supera la tradizionale convinzione che la fotografia esista come categoria separata e distinta. L’artista crea, quindi, un gigantesco flusso di immagini per ricordare allo spettatore che l’estate non è finita: la guerra non è finita. Šejla Kamerić si concentra sul racconto di dettagli tratti da immagini significative.

Tra le opere in mostra colpisce in modo particolare il video Sunset, basato su quella che si ritiene essere l’unica fotografia a colori del ghetto di Varsavia in fiamme durante la rivolta del 1943, realizzata da Karol Grabski. Position Absolute è invece una collezione di sfere di pietra, realizzate da Šejla Kamerić nel 2015. In ogni sfera sono state incise delle coordinate geografiche di fosse comuni.

Scopri anche:
La street art di Banksy in mostra al Mudec
L’adorazione dei Magi a Palazzo Marino
Hayez, alla Gam: quattro capolavori a confronto 

Informazioni
Visita il sito web
Dal: 27/11/2018 al: 08/03/2019
Lanza
Corso Garibaldi, 2 - Milano
Gratis
Da lunedì a venerdì dalle 10.00 alle 13.00; dalle 15.00 alle 17.00
Mappa