milanodabere.it

Enrico Baj – Plastiche

Evento terminato

L’arte di Enrico Baj proposta attraverso la sua ricerca sulle materie plastiche: è questo il punto di vista proposto dalla Fondazione Marconi, che presenta alcune opere dell’artista milanese realizzate tra 1963 e 1970 su due piani del palazzo di via Tadino. 

Tra i protagonisti dell’avanguardia italiana del secondo dopoguerra, Baj si è distinto nel panorama artistico nazionale per la sperimentazione di tecniche e soluzioni stilistiche inedite. I suoi collages composti dai materiali più diversi, come stoffe, tappezzerie e fodere di materassi, medaglie e frammenti metallici, specchi e vetri colorati sono forse le opere più ricordate. Baj inizia a usare la plastica nel ’63, prima con delle mattonelle Lego per arrivare alle foglie di PVC imbottite di resina espansa. La plastica è per l’artista il materiale-simbolo della società industriale, ma Baj ne deride beffardamente l’uso indiscriminato e modaiolo.

In mostra sono esposti personaggi grotteschi, buffi e risibili che hanno nomi impronunciabili e onomatopeici, riconducibili sia al dadaismo, sia al futurismo come Albmilalf (1968), Izzoighitalti (1968), Emsterkem (1969), protagonisti della commedia che Baj mette in scena per prendere di mira la società dei consumi con i suoi comportamenti stereotipati, le sue leggi inalterabili e i suoi falsi miti.

Informazioni
02 29419232
Dal: 11/11/2010 al: 23/12/2010
Porta Venezia
Via Tadino 15 - Milano
n.p.
Da martedì a sabato dalle ore 10 alle ore 12.30 e dalle ore 15.30 alle ore 19
Mappa