milanodabere.it

D’Annunzio segreto

Evento terminato

La nostra vita è un’opera magica, che sfugge al riflesso della ragione”. A 80 anni dalla morte (1 marzo 1938), il Teatro Manzoni celebra il Vate portando in scena le sue memorie e la sua vita con lo spettacolo, interpretato da Edoardo Sylos Labini e con la regia di Francesco Sala, D’Annunzio segreto, dal 5 al 7 febbraio.

Segreto perché a emergere non è l’immagine del superuomo ma un ritratto inedito di D’Annunzio (raccontato dalla penna di Angelo Crespi) ormai anziano e rinchiuso nella sua prigione dorata del Vittoriale. Sul palcoscenico, Edoardo Sylos Labini è l’interprete del Vate: tra un’amante, un’invettiva politica e momenti di grande letteratura, ricorda e parla con l’unica donna che egli abbia veramente amato ma che ora non c’è più, Eleonora Duse.

Nell’ottantesimo anniversario della morte di D’Annunzio, ho chiesto ad Angelo Crespi di raccontare un D’Annunzio inedito, segreto” ha dichiarato Labini in conferenza stampa. “Questo spettacolo è il sequel di Gabriele D’Annunzio tra Amori e Battaglie, che ho portato nei teatri cinque anni fa e che raccontava un Vate un po’ più pop. Per la nuova produzione ci siamo, invece, soffermati sugli ultimi 20 anni al Vittoriale. Quando D’Annunzio ormai vecchio si chiude nella casa mausoleo e cerca di eternare la sua vita. Non è più un superuomo ma un uomo che sta invecchiando e capisce che forse, l’unica vera grandezza, l’unica eternità è la poesia. Solo la sua poesia rimarrà immortale”.

Edoardo Sylos Labini è D'Annunzio segreto, al Manzoni

Edoardo Sylos Labini è D'Annunzio segreto, al Manzoni

Al termine di ogni spettacolo, il foyer del teatro viene trasformato nella Sala della Cheli, la sala da pranzo dove D’Annunzio ospitava i suoi invitati al Vittoriale. Si potranno gustare le ricette della cucina dannunziana (l’allestimento della Sala può ospitare fino a 20 commensali). D’Annunzio amava infatti corteggiare le sue amanti anche con la cucina, grazie ai piatti che preparava la sua cuoca, Suor Albina, detta Suora Indulgenza Plenaria (interpretata da Paola Daveli).

UNA SETTIMANA DI APPUNTAMENTI

Lo spettacolo al Manzoni si inserisce in un più ampio programma dedicato alle celebrazioni dell’ottantesimo anniversario della scomparsa del Vate. E comprende l’incontro (aperto a tutti) di giovedì 1 febbraio, al Mondadori Megastore di Piazza Duomo, con Giordano Bruno Guerri, presidente del Vittoriale degli Italiani, intervistato da Edoardo Sylos Labini. Il 6 febbraio, invece, in pieno spirito dannunziano, dal palco del Manzoni, Labini e Angelo Crespi lanceranno il progetto Cultura Identità: “movimento che sta raccogliendo artisti, fondazioni, intellettuali, giornalisti, creativi, che vogliono rilanciare il nostro paese attraverso il suo patrimonio artistico e culturale”. Infine, agli spettatori under 26 che assisteranno allo spettacolo D’Annunzio segreto sarà dato in omaggio il fumetto Gabriele d’Annunzio tra amori e battaglie, liberamente tratto dall’omonimo testo teatrale di Edoardo Sylos Labini e Francesco Sala.

D'Annunzio segreto, in scena al Manzoni dal 5 al 7 febbraio

D'Annunzio segreto, in scena al Manzoni dal 5 al 7 febbraio
Informazioni
02 7636901
Dal: 01/02/2018 al: 07/02/2018
Centro
Via Manzoni, 42 - Milano
n.p.
Lunedì, martedì e mercoledì alle ore 20.45
Mappa