Canova e Thorvaldsen: la nascita della scultura moderna, Gallerie d’Italia

Due geni e rivali a confronto: Antonio Canova e Bertel Thorvaldsen, padri della scultura moderna, sono al centro della spettacolare mostra Canova – Thorvaldsen. La nascita della scultura moderna allestita alle Gallerie d’Italia

Fino al 15 marzo le Gallerie d’Italia presentano la mostra Canova – Thorvaldsen. La nascita della scultura moderna. L’esposizione è curata da Stefano Grandesso e Fernando Mazzocca. Raccoglie oltre 160 opere che per la prima volta mettono a confronto due grandi artisti contemporanei, celebrati come i padri della scultura moderna.

Scoprite QUI tutte le mostre a Milano


Canova e Thorvaldsen, i padri della scultura moderna

La mostra allestita alle Gallerie d’Italia propone un confronto, mai tentato prima, tra due grandi protagonisti della storia dell’arte. Antonio Canova (1757-1822) e il danese Bertel Thorvaldsen (1770-1844) sono infatti considerati i padri della scultura moderna. Con la loro opera, trasformarono l’idea stessa della scultura. Creando capolavori immortali, riprodotti in tutto il mondo.

I due artisti svolsero buona parte della loro carriera a Roma. Nella capitale si affrontarono su temi e soggetti identici, ingaggiando una delle sfide più produttive. Regalarono al mondo dell’arte capolavori quali le figure della mitologia classica, come Amore e Psiche, Venere, e poi ancora Paride, Ebe, le Grazie. Rappresentavano l’incarnazione dei grandi temi universali della vita, come il breve percorso della giovinezza, l’incanto della bellezza, l’amore.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il trionfo della bellezza in mostra

L’esposizione raccoglie 160 opere divise in diciassette sezioni. Si possono così ammirare alcuni tra i maggiori capolavori dell’arte di tutti i tempi. Il cuore dell’esposizione è la sezione intitolata Le Grazie e la danza, allestita nel grande salone centrale del museo. Mette a confronto i due capolavori degli artisti, i gruppi marmorei de Le Grazie dove Canova e Thorvaldsen hanno espresso meglio il proprio ideale di bellezza. La contemplazione prosegue poi anche nelle sezioni Venere e il trionfo della bellezza e Amor vincit omnia. La rappresentazione d’Amore. Pongono l’accento su alcuni dei temi più cari ai due scultori, quello della bellezza e dell’amore.

La mostra è realizzata in collaborazione con il Museo Statale Ermitage di San Pietroburgo e con il Museo Thorvaldsen di Copenaghen. Le opere esposte arrivano dai più importanti musei e collezioni private, quali le Gallerie degli Uffizi di Firenze, il Museo Nacional del Prado di Madrid, la Pinacoteca di Brera e la Pinacoteca della Veneranda Biblioteca Ambrosiana di Milano. In particolare dal Museo e Gypsotheca Antonio Canova di Possagno, città natale dello scultore. Il museo è inoltre promotore delle celebrazioni canoviane iniziate nel mese di luglio 2019, a 200 anni dalla posa della prima pietra del Tempio di Possagno. Si concluderanno il 13 ottobre 2022, data che segna i due secoli dalla morte dell’artista veneto.

Scoprite anche:
Canova i volti ideali, mostra alla Gam
San Valentino 2020 al museo
Aperti per voi – speciale San Valentino, l’iniziativa del Touring
Capodanno cinese 2020 a Milano
Federico Fellini, dieci curiosità sul grande regista

Informazioni
+39 800167619
Visita il sito web
Dal: 25/10/2019 al: 15/03/2020
piazza scala
Piazza Scala - Milano
Medio
Tutti i giorni dalle 9.30 alle 19.30 (giovedì chiusura alle ore 22. 30). Chiuso lunedì
Email