We Will Rock You al Teatro Ciak

Teatro Ciak Milano: sequestrato lo storico tendone

Teatro Ciak Milano: sigilli alle porte dello storico tendone, “casa” di X Factor e venue di numerosi musical e concerti

Il teatro Ciak a Milano ha fatto la storia. Nasce negli anni Settanta in via San Gallo, diventa la sede del cabaret meneghino, forma e cresce numerosi comici e attori di casa nostra. Si trasferisce per un periodo di tempo alla Fabbrica del Vapore, poi in viale Puglie, nello spazio verde non distante da piazzale Cuoco, zona Corvetto. Qui il Ciak è stato la sede di numerosi programmi televisivi di successo, da Zelig e X Factor. Il pubblico qui in platea ha assistito a musical da record, come il noto Romeo e Giulietta – Ama e cambia il mondo, che sarà destinato a diventare un successo internazionale. Oppure, ancora, We will rock you, ispirato ai grandi successi dei Queen, o La Divina Commedia Opera Musical, Notre Dame.

I motivi della chiusura

Al teatro Ciak di Milano si sono esibiti live i Kataklò, Giorgio Moroder, Anastacia, Damien Rice, Ben Harper, Art Garfunkel, Steve Hackett e così via. Una storia destinata a concludersi, per ricominciare chissà quando. Ecco, infatti, la notizia, riportata da Ansa.it. Il teatro Ciak di Milano è stato sequestrato e sono stati piombati i cancelli di ingresso. Sono stati messi, inoltre, i sigilli all’area dove sorge la tensostruttura che, secondo l’ipotesi, è in via di demolizione per essere ricostruita, nonostante sia scaduta l’autorizzazione temporanea del Comune.

Una tensostruttura da smantellare, sulla carta, entro lo scorso dicembre ma, per evitare di cancellare il programma in cartellone, con gli spettacoli già prefissati, era stata concessa un’autorizzazione temporanea. Al momento sono in corso i lavori di demolizione e ristrutturazione però, da quanto è stato accertato, si starebbe ricostruendo una struttura simile ma in contrasto con il testo unico dell’edilizia. La notizia ha creato scalpore, soprattutto per i più affezionati. Indipendentemente da ogni tipo di questione, il Ciak rappresenta davvero un’istituzione per la nostra città.

Un teatro che ha fatto la storia

La storia del Ciak a Milano comincia nel 1948, quando era il Cinema Dea in via Sangallo 33. Negli anni Settanta diventa il Cineateatro Ciak sotto la guida di Leo Wächter, il più grande promoter di spettacoli che Milano abbia mai avuto: è stato lui a portare in Italia nomi come Beatles, Sinatra, Led Zeppelin, Billie Holiday, Ella Fitzgerald, Rolling Stones. Nasce così un vero e proprio locale di avanspettacolo, costellato da stelle piene di talento. Qualche nome? In cartellone si leggevano Enzo Jannacci, Massimo Troisi, Franca Valeri. Oppure ancora Aldo Fabrizi, Sergio Endrigo, Franco Battiato, Paolo Conte, Dario Fo, Elio e le Storie Tese, Claudio Bisio, Antonio Albanese, Daniele Luttazzi, Aldo, Giovanni e Giacomo.

All’interno del parco Alessandrini, in viale Puglie, dove si trova tutt’ora, sembrava aver avuto una nuova, meritata, rinascita, dopo una breve parentesi negli spazi della Fabbrica del Vapore. Staremo a vedere.

Scoprite QUI tutti gli spettacoli da non perdere a Milano