milanodabere.it

Rock in Idro senz’acqua

Sembrava strano che un evento come il Rock in Idro fosse stato dimenticato nella programmazione di Idroscalo in Festa. Ora sappiamo il perchè. Il festival, nato nel 2005 all’interno della manifestazione estiva organizzata dalla Provincia di Milano, viene sfrattato dall’IdroPark. “Siamo rimasti basiti di come la politica usi a proprio consumo la musica e poi venga scaricata senza pietà quando non serve più” commenta Alex Fabbro di Hub Music Factory, promoter dell’evento. “Spostare un evento del genere a meno di un mese è stato difficile, fortunatamente abbiamo trovato grande disponibilità da parte del PalaSharp, che ospita le due giornate, e sarà allestito in modo da renderlo il più possibile adatto all’atmosfera del festival“.

Il motivo del cambio di location sembra essere legato a questioni di campagna elettorale, infatti il Rock in Idro coincide con l’eventuale ballottaggio per l’elezione della nuova giunta provinciale. Questioni di ordine pubblico, o di immagine? “La provincia dopo la comunicazione se ne è lavata le mani. Il dott. Maggi, il portavoce del presidente Penati, ha preso una decisione unilaterale” conclude Titti Seregni, altra promoter di Hub.

Quando un grande evento come l’Heineken Jammin’ Festival non si fa, si toglie uno spazio adeguato al Rock in Idro che ha i grandi nomi (Limp Bizkit e Faith No More!) e il coraggio di andare avanti. L’Italia va al contrario.