milanodabere.it

Ralf @ Beach Solaire

Al Beach Solaire arriva Ralf, uno dei deejay più eclettici della scena dance europea. Un appuntamento imperdibile per i fan della house, che si presentano in massa per onorare un loro mito.

BEACH SOLAIRE O MIAMI BEACH –  E’ una splendida giornata, e non ci sarebbe un posto migliore per un aperitivo che il Solaire. Sarà questo sole che tramonta sul “mare di Milano”, proprio di fronte a noi, sarà la sabbia, insomma pare di stare a Miami. Ci si sdraia amabilmente sui divanetti in attesa che la serata decolli, già carichi, perchè sapremo che non rimarremo delusi.

UN LOCALE CHE TI VIZIA – In attesa di scatenarsi in pista, quindi, mettiamo alla prova i funambolici barman. Il servizio è rapido, c’è tanta gente ma non si creano mai code. E i cocktail? Gettonatissimi l’Invisibile alla Fragola, il Vodka Redbull e lo Sbagliato. Ottimi, sostanziosi, il Solaire da questo punto di vista ci tratta bene, quasi ci vizia.

QUI DOVE TUTTO E’ BELLEZZA – E ci vizia sì, a noi maschietti, perchè quando si comincia a ballare ecco che fanno la loro comparsa le stratosferiche ragazze sul cubo. Bellezze dinamiche, ipnotizzanti, artistiche. In pista ci si comincia a scaldare, Ralf inizia tra un paio d’ore e c’è una voglia matta di house. Le mani vibrano in aria a tempo, le ginocchia alzate, le signorine poco vestite che si fanno prendere dal ritmo. E’ bello essere qui, in questo mix di delicatezza ed euforia, di spasmi e amori che sbocciano.

RALF, ENERGIA PURA – Ed eccolo finalmente all’opera, l’artista per il quale sono tutti qui stasera. Ralf ci fa ballare, muovere, saltare, ridere e giocare con gli sguardi… non ci delude. La pista si carica di un’energia travolgente, il viaggio musicale di Ralf è anche il nostro. Pezzo dopo pezzo, un ritmo sull’altro in una corsa inarrestabile. Ancora mani, sguardi, percezioni positive; ballare qui, in questa cornice stupenda, ora, questa musica, con questa gente, non si può volere niente di più. Ritmo, energia, dinamismo e profonda sensazione di libertà. Grazie Ralf, ci hai fatto sentire vivi!