Jazz MI 2020, il programma del festival

Musica alla giusta distanza. La città si riempie di note con il festival Jazz MI 2020 per raccontare l’universo musicale del jazz in tutte le sue declinazioni

Il jazz è storia, contemporaneità e futuro. Un ritmo che segna la nostra città e che la anima dal 22 ottobre al 1 novembre con Jazz MI 2020. Una kermesse con eventi, anche dal vivo, che permette di incontrare i grandi artisti e le giovani band emergenti. In tutta la città. Triennale e Blue Note. E poi ancora dal Castello al Giambellino, da Piazza Duomo e il Pirellone all’Ortica e Chiaravalle. CityLife, Porta Nuova, Corvetto, San Siro e fuori dai confini a Rozzano, Trezzano Sul Naviglio, Carugate e San Donato Milanese.

Tantissimi i grandi nomi della manifestazione. , Kurt Rosenwinkel, James Senese Napoli Centrale. Stefano Bollani, Danilo Rea, Paolo Fresu, Michael League & Bill Laurance. Tra gli altri anche Musica Nuda, Enrico Intra, C’mon Tigre + Toccafondo, Yaron Herman e così via.


Jazz MI 2020 porta la musica jazz anche nei musei. Rigorosamente in totale sicurezza, all’aperto e sotto i portici. Al Castello Sforzesco e al MUBA – Rotonda della Besana, undici jazzband si alternano in scena nei due weekend del festival.

Tra gli appuntamenti da non perdere

Si comincia il 22 ottobre con Danilo Rea che apre le danze della manifestazione negli spazi di . Insieme a lui Massimo Moriconi e Alfredo Golino per un originale omaggio a Mina. Da segnare in agenda: James Senese al Teatro Dal Verme sabato 24 ottobre, Musica Nuda, 28 ottobre, Triennale, Gegè Telesforo, 29 ottobre, . Sempre il 29 ottobre ma al Conservatorio di Milano, invece, è la volta del live di Paolo Fresu (per poi bissare al Blue Note). Tra i grandi nomi di sabato 31 ottobre: Cristina Donà, in Triennale, Vinicio al Blue Note. Stefano Bollani sarà protagonista di Jazz MI 2020 il primo giorno di novembre al Conservatorio.

Info e programma completo qui.