Il Mibact celebra Mina, Il cielo in una stanza

Online sul canale del il ricordo del primo successo discografico della grande cantante italiana Mina pochi giorni dopo il suo compleanno

Il 25 marzo Mina ha compiuto ottant’anni. Ed è con il video dedicato al suo primo successo discografico, Il cielo in una stanza, inciso a vent’anni su testo di Gino Paoli, il Portale della Canzone Italiana celebra a pochi giorni di distanza il compleanno di questa artista straordinaria. Il Mibact dunque festeggia Mina e ne ripercorre il successo con le parole di Paolo Prato.

Sul canale YouTube del MiBACT all’inizio dell’emergenza Coronavirus i musei, i parchi archeologici e gli istituti autonomi statali hanno deciso di fornire contributi audiovisivi di ogni genere per permettere alle persone di continuare a godere del patrimonio culturale nazionale. Stando comodamente a casa. Capitolo dopo capitolo, viaggio dopo viaggio. Come quello che si può compiere adesso in compagnia della tigre di Cremona.


Il cielo in una stanza

Il 45 giri Il cielo in una stanza uscì nel giugno del 1969 e fu la prima grande hit discografica di Mina. Era la sua quinta incisione a entrare in classifica, dove primeggiò per quindici settimane per starci poi oltre sei mesi. “Questa canzonericorda Paolo Prato  – contiene alcune immagini che, forzandone decisamente il significato, potrebbero adattarsi a questi tempi di isolamento domiciliare. Il repertorio di Mina possiede un’aura sacra che lo rende intoccabile. Come un re Mida della canzone, tutto ciò che ha cantato è diventato oro. Non a caso questa è la canzone che ha fatto decollare la carriera di Paoli, dando inizio alla stagione dei cantautori“.

Con questa iniziativa il Mibact, attraverso un impegno corale di tutti i propri istituti, mostra così la carriera della grande Mina e, in generale, fornisce n prezioso contributo dei luoghi della cultura. Facendoci conoscere così, anche, le numerose professionalità che si occupano di conservazione, tutela, valorizzazione.

Leggi anche:

Il Mibact e il portale della canzone italiana
Musei a domicilio: l’arte in streaming ai tempi del Coronavirus