Al via la settimana della cucina italiana nel mondo

La Settimana della Cucina Italiana nel Mondo

Dal 19 al 25 novembre, il Belpaese è protagonista con la Settimana della Cucina Italiana nel Mondo, che porta i sapori dello Stivale nel mondo

Oltre 1.000 attività previste in quasi 300 sedi. I numeri della terza edizione della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo, raccontano di un successo preannunciato. In programma dal 19 al 25 novembre 2018, mira a promuovere all’estero l’agroalimentare e la cucina italiana di qualità. Sono i segni distintivi del “Marchio Italia” nel solco delle grandi tematiche che, a partire da EXPO 2015 Milano, contraddistinguono l’agroalimentare italiano: qualità, sostenibilità, cultura, sicurezza alimentare, diritto al cibo, educazione, identità, territorio, biodiversità. A ciò si aggiunge la valorizzazione dei territori, degli itinerari dell’arte culinaria italiana, nonché della dieta mediterranea, uno degli elementi che rende l’Italia il Paese più ‘sano’ al mondo.

Seminari e conferenze, incontri con gli chef, degustazioni e cene, eventi di promozione commerciale, corsi di cucina, sono solo alcune delle attività previste. La cucina è raccontata anche attraverso iniziative di taglio culturale. A cominciare da proiezioni di film e documentari legati al cibo, convegni, concerti, corsi di lingua, mostre fotografiche. Punto di riferimento degli oltre mille eventi in calendario sono le quasi 300 sedi diplomatico-consolari e degli Istituti italiani di cultura.

Leggi qui tutti gli Eventi Food

Dalla Dieta Mediterranea agli itinerari golosi, gli assi portanti

Tanti gli assi portanti della divulgazione della nostra cultura culinaria all’estero. A partire dalla promozione della Dieta Mediterranea e dei suoi ingredienti. Ma anche la valorizzazione degli itinerari enogastronomici e turistici regionali, anche in connessione con il 2018 Anno del Cibo. La promozione con l’iniziativa “Pasta Pesto Day”, che a seguito della tragedia del Ponte Morandi promuove la più tipica ricetta nei ristoranti di tutto il mondo. E ancora, le attività di formazione per sviluppare collaborazioni di lungo periodo tra cuochi italiani e locali. Senza dimenticare la tutela e la valorizzazione dei prodotti a denominazione protetta e controllata. 

Dietro il progetto, il Sistema Paese

Il progetto è stato ideato e coordinato dalla Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale. A  svilupparlo un Gruppo di lavoro che coinvolge il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari Forestali e del Turismo, il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Non solo. All’appello hanno risposto anche i principali Enti, Associazioni ed Istituzioni che rappresentano la cucina italiana e l’Italia nel mondo. In prima linea, quindi, anche le Regioni, Agenzia ICE, ENIT, università, sistema camerale, associazioni di categoria, scuole di cucina, reti dei ristoranti italiani certificati e operatori del settore enogastronomico e del design.

Il progetto s’integra con le azioni previste dal Piano per la promozione straordinaria del Made in Italy, promosso dal Governo al fine di potenziare la distribuzione e la presenza commerciale dei prodotti del vero agroalimentare italiano, nonché con gli obiettivi del Piano Strategico del Turismo 2017-2022, volto a dare rilievo ai territori meno conosciuti all’estero.