milanodabere.it

Harry Potter e il Principe Mezzosangue

Nel sesto film della saga di Harry Potter, tratto dai libri della scrittrice inglese J. K. Rowling, vengono mescolati humor ed emozione, luce e tenebre.

Gli effetti speciali sono sempre più spettacolari, tra i quali è degno di nota l’attacco dei Mangiamorte nel mondo dei Babbani. Oltre alle sfide magiche i protagonisti si trovano ad affrontare i problemi tipici dell’adolescenza, tra amori e gelosie, mentre sullo sfondo si staglia una sempre più intricata lotta tre bene e male. David Yates, già regista di Harry Potter e l’Ordine della Fenice, viene confermato per dirigere anche Harry Potter e il Principe Mezzosangue e il settimo film Harry Potter e i doni della morte – quest’ultimo diviso in due capitoli, l’uscita del primo è prevista per settembre 2010 e per il secondo si dovrà aspettare l’anno successivo.
Oltre a Daniel Radcliffe, Rupert Grint e Emma Watson, rispettivamente Harry, Ron ed Hermione, arriva sul set anche il premio
Oscar Jim Broadbent nel ruolo del professor Lumacorno.

I fan della trasposizione cinematografica delle avventure del maghetto, ormai non più bambino, lo hanno visto crescere sul grande schermo e con lui l’atmosfera sempre più cupa delle ambientazioni. È un climax ascendente quello che percorre le pellicole di Harry Potter per quanto riguarda l’atmosfera sempre più carica di tensione. I piccoli fan che si accostano alle vicende dei maghi di Hogwarts a partire dagli ultimi due film potrebbero rimanere inquietati dall’aura tenebrosa che aleggia per i corridoi della scuola di magia.

L’anteprima mondiale di Harry Potter e il Principe Mezzosangue, svoltasi a Londra, ha fatto parlare di sè ancheper due piccoli contrattempi. Il primo è la lieve forma di influenza suina contratta dall’attore Rupert Grint; il secondo è l’involontario upskirt di Emma Watson, causato da una folata di vento dovuta al tipico maltempo londinese.