leonardo da vinci

Essere Leonardo da Vinci: il genio al cinema

Il 2019 è l’anno di Leonardo da Vinci. Il genio rinascimentale viene celebrato anche al cinema con Essere Leonardo da Vinci – Un’intervista impossibile, l’originale biopic del drammaturgo italiano Massimiliano Finazzer Flory 

Leonardo da Vinci super star. Arriva al cinema a fine aprile il film Essere Leonardo da Vinci. Un’intervista impossibile, diretto e interpretato da Massimiliano Finazzer Flory e prodotto da Rai Cinema. La pellicola, un’opera unica nel suo genere, celebra il genio toscano (1452-1519) che ha cambiato il modo di pensare all’arte, alla tecnica e alla scienza.

Scopri QUI il nostro canale dedicato al CINEMA

Essere Leonardo da Vinci

Massimiliano Finazzer Flory introduce Essere Leonardo da Vinci citando Schopenhauer: “Un talento è colui che sa colpire un bersaglio che nessun altro sa colpire, mentre un genio è colui che sa colpire un bersaglio che nessun altro sa vedere. Leonardo è stato e talento e genio. Un genio universale” afferma. “Il film indaga Leonardo uomo. E dentro quest’uomo ho scoperto che c’era un bambino”. E proprio con un Leonardo bambino immerso nella natura inizia il film di Finazzer Flory. “La prima alleanza di Leonardo è con la natura, e con l’acqua. Elemento che lo lega a Vinci, a Firenze, alla Lombardia quindi a Milano e ai Navigli“. E proprio il capoluogo lombardo è la città dove Da Vinci visse più a lungo, quasi vent’anni.

Il film vede due giornalisti, rispettivamente di New York e Milano ignari l’uno dell’altro, entrambi alla ricerca di uno scoop per i 500 anni dalla scomparsa di Leonardo da Vinci. Attraversano i luoghi del genio italiano, fino a incontrarlo per d’avvero nella sua ultima dimora a Clos Lucé. Qui Leonardo concede loro un’intervista. Il dialogo si svolge su testi originali di Da Vinci.

Alessandro Finazzer Flory è Leonardo da Vinci al cinema da fine aprile e al Piccolo Teatro dal 2 al 5 maggio. foto Giovanni Gastel
Alessandro Finazzer Flory è Leonardo da Vinci al cinema da fine aprile e al Piccolo Teatro dal 2 al 5 maggio. foto Giovanni Gastel

“Leonardo è il più grande spettacolo vivente”

Leonardo da Vinci è stato pittore, scienziato, scultore, musico, ingegnere, fisico, matematico, designer, botanico, biologo molecolare ante litteram. Ma è stato anche uomo di spettacolo. Tale si definiva. A 500 anni dalla scomparsa Leonardo è vivo più che mai. Oggi è il più grande spettacolo vivente” ha detto Alessandro Finazzer Flory durante la presentazione del film a Milano, Palazzo delle Stelline. “Sta intrattenendo nuovamente tutti noi che crediamo nella cultura. Soltanto che l’intrattenimento non è più di corte ma è con in media, ed egli si pone come protagonista“.

Tutte le mostre a Milano QUI

Il film di Finazzer Flory è nato prima come cortometraggio (della durata di 24 minuti) per musei e istituzioni culturali. Dopo la première alla Morgan Library di New York dello scorso ottobre, sarà proiettato alla National Gallery di Londra (18 gennaio), a Parigi (12 febbraio) e a Berlino presso l’Istituto Italiano di Cultura (25 febbraio). A fine aprile, invece, arriva nei cinema il lungometraggio della durata di 80 minuti.

Essere Leonardo da Vinci a teatro

Il 2 maggio Massimiliano Finazzer Flory torna a teatro, sul palcoscenico del Piccolo, con lo spettacolo Essere Leonardo da Vinci. Un’intervista impossibile da cui è stato tratto il film. La rappresentazione (al Piccolo fino al 5 maggio) avviene in coincidenza con l’inaugurazione di Milano e Leonardo 500, il palinsesto di eventi che fino a gennaio 2020 renderà omaggio al genio più eclettico della storia.

Scopri anche:

L’ultima Cena dopo Leonardo da Vinci al Palazzo delle Stelline
Leonardo3: Da Vinci e le sue macchine in mostra
Leonardo da Vinci, in mostra i segreti del Codice Atlantico
La grande arte al cinema, stagione 2019