Dieci serie TV da non perdere e perché

e dintorni. In questo periodo in cui studenti o smart workers sono chiusi in casa, a fine studio o lavoro non resta che vedere una serie TV. Noi ve ne consigliamo dieci, tra quelle del momento. Le vostre preferite?

Dieci serie TV per me posson bastare. Dedicato a chi, in queste settimane, si fa prendere dal panico e non esce di casa. Oppure a chi, da casa, in questi giorni ci lavora e quindi in pausa pranzo, senza colleghi tra i piedi, ha tutto il tempo. Sembra che le serie TV siano tra gli oggetti del desiderio di questo periodo, l’argomento più cercato sul web, dopo la questione Coronavirus e dintorni. E mentre ci sono siti per adulti che, a chi è in quarantena, riservano la loro sessione Premium gratis agli utenti, c’è chi si augura che lo stesso possano fare Netflix e dintorni. Nel frattempo, a chi è a casa per dovere o perché lo vuole, ecco dieci serie TV da non perdere, almeno secondo noi. Le vostre? Fateci sapere a redazione@milanodabere.it oppure taggandoci su Intagram. Cominciamo.

Carnival Row

Si parte dai protagonisti: Orlando Bloom e Cara Delavigne. Tanta roba. Tra le serie TV da non perdere, c’è sicuramente questo progetto di Guillermo del Toro. Un drama noir-fantasy che racconta di una città neo-vittoriana. Qui, alcune misteriose creature mitologiche trovano rifugio dopo essere scappate dalla propria terra d’origine distrutta dalla guerra. Rycroft Philostrate (Orlando Bloom) è un ispettore della polizia che deve risolvere l’assassinio di una showgirl fatata. La nostra cara Cara, invece, è Vignette, una rifugiata alle prese con il pregiudizio degli umani e con i segreti del suo passato.


Serie TV da non perdere: See

Vogliamo parlare di Jason Momoa? Mentre gli ormoni cercano di riprendere posto, vi facciamo conoscere questa serie firmata Apple TV scritta da Steven Knight, lo stesso di Peaky Blinders, e prodotta dallo stesso team della trilogia de Il Pianeta delle Scimmie. Insomma, promette bene. La popolazione è alle prese con un virus (vi ricorda qualcosa?) – solo che siamo in un futuro fantascientifico e molto lontano – e nessuno tra gli uomini ha il dono della vista. Dopo secoli di buio, però, nascono i figli gemelli del potente guerriero Baba Voss (Jason Momoa), che deve proteggerli da ogni male mentre il mondo li percepisce come una minaccia.

The New Pope

Beh beh beh. Sorrentino è tornato e con lui anche Papa Jude Law, già protagonista di The Young Pope. Il sequel/non sequel della prima, fortunatissima serie, conta nove puntate una più incredibile e surreale dell’altra. Con una special guest: Giovanni Paolo III dal volto di John Malkovich. Al suo fianco Sharon Stone, nel ruolo di Sharon Stone, Marilyn Manson, nel ruolo di Marilyn Manson. Le vicende dentro le mura del Vaticano – e dintorni – si fanno sempre più intriganti, ci sono peccati da nascondere mentre il Papa di tutti è in coma e il nuovo Papa sui generis tenta di sostituirlo. Serie TV da non perdere, anzi, consigliatissima.

Zerozerozero

Viene definita come uno straordinario affresco del male, questa serie TV che nasce dal romanzo-inchiesta di Roberto Saviano. La serie racconta il viaggio di un carico di cocaina tra Messico, Calabria e Stati Uniti. Nel cast anche il talentuoso e ventiseienne Giuseppe De Domenico.

Serie TV da non perdere: Messiah

Su Netflix già da qualche tempo, Messiah scorre lenta ma lascia con il fiato sospeso. Siamo nel 2020 e il figlio di Dio è tornato. Con tanto di capelli lunghi, come da tradizione, ma non solo. Prediche, miracoli, camminate sulle acque. Dal Medio Oriente arriva in America, tra seguaci e investigatori alle sue spalle, e le cose si complicano. Si tratta per davvero del Messia oppure è solo un fanatico che si professa tale? Come fa a sapere cose che non sa nessuno? Dietro a tutto questo si cela la minaccia del terrorismo? Il thriller può essere definitivo geopolitico, psicologico, drammatico. Da vedere.

La casa de las flores

Le stagioni ormai sono tre, tutte su Netflix. Per un po’ di leggerezza, quanta ne serve in questo periodo, questa è davvero LA serie TV da non perdere. Per chi non la conosce ancora. Siamo in Messico, siamo incollati alle vicende di una famiglia disfunzionale e dell’upper class, che possiede un rinomato negozio di fiori. Tradimenti, finzioni, omosessualità, transessualità, bordelli da gestire, bordelli in tutti i sensi. Intrighi, tradimenti e segreti si nascondono dietro a un’apparenza perfetta e per difendere questa si è disposti proprio a tutto.

I Am Not Okay With This

Avere diciassette anni, con tutti gli sbatti di questa età, e avere particolari poteri psichici. La serie (Netflix) tratta dal noto fumetto ha la firma di Jonathan Entwistle, autore di The End Of The F***ing World, e non è affatto l’ennesimo prodotto teen, anzi. Si tratta di qualcosa di unico e di originale, da vedere anche in una domenica se non si guarda Domenica In con la zia Mara.

Followers, serie TV da vedere in un weekend

Tra le serie TV da non perdere segnaliamo anche questa, uscita il 27 febbraio. Dal Giappone con furore, Followers è di quel genere che si potrebbe definire distopico, legato alla tecnologia e ai suoi risvolti sociali a dir poco inquietanti. Qualcosa che abbiamo già assaporato con Black Mirror. Il titolo, non a caso, ricorda e fa riferimento all’oscuro e sottovalutato mondo dei Social.

Narcos Messico, seconda stagione

Lo spin off di Narcos è in circolazione da metà febbraio e la genesi della narcoguerra messicana continua. A giudicare dalla prima stagione, anche questa serie TV promette bene. Sul canovaccio, gli accordi con i governi, le reti di narcotrafficanti in via di espansione, i desideri di vendetta. A chi piace rimanere con il fiato sospeso.

Ares

In giro da gennaio 2020, anche questa è una serie TV dall’identità particolare e da non perdere, almeno a chi piace il genere. Siamo ad Amsterdam. Gli studenti hanno ricchezza, sesso, potere. E un prezzo da pagare. Un po’ alla Eyes Wide Shut, negli otto episodi della serie horror e psicologica allo stesso tempo, si arriva nel mondo di Ares, una società studentesca e segreta dai segreti diabolici.