David di Donatello 2019

David di Donatello 2019, i vincitori. Trionfo di Dogman

I vincitori dei David di Donatello 2019. Alessandro Borghi miglior attore, premio speciale a Dario Argento e nove statuette – tra cui miglior film – a Dogman di Garrone

Dario Argento polemizza sul palco dei David di Donatello 2019, gli Oscar del cinema italiano consegnati mercoledì 27 marzo a Roma, in diretta TV. “Faccio il mio lavoro da quarant’anni e non mi è stato mai consegnato un David, adesso è troppo tardi” – dice, scherzando, anzi no, il re del thriller e dell’horror italiano (mentre la figlia piange in diretta dalla D’Urso, forse è questo il vero tema horror). Alessandro Borghi, altro protagonista, bello come il sole, elegantissimo come i suoi baffi, vince il David di Donatello 2019 come miglior attore. Meritatissimo premio per il ruolo di Stefano Cucchi – il film in questione è Sulla mia pelle. “Dedico il premio a Stefano Cucchi, alla famiglia Cucchi. Lo dedico anche agli esseri umani a prescindere da tutto“. Elena Sofia Ricci, tra le più talentuose in circolazione oggi, riceve emozionata la statuetta come miglior attrice, invece, per il ruolo di Veronica Lario nel film su Silvio Berlusconi, Loro, di Paolo Sorrentino.

Scopri QUI il nostro canale dedicato al CINEMA

Uma Thurman e Tim Burton ospiti internazionali

Cos’altro? Gli ospiti internazionali. Carlo Conti, presentatore della serata, congeda Uma Thurman dimenticando di consegnarle il David speciale, Tim Burton, ancora, riceve il premio alla carriera dalle mani di Roberto Benigni e presenta il suo ultimo lavoro, Dumbo, casualmente in uscita proprio in questi giorni. Il regista visionario sembra lui stesso un personaggio uscito da qualche cartoon di Walt Disney, sembra, ancora, un po’ il dottor Emmet Brown, lo scienziato pazzo Doc di Ritorno al futuro. “Tim Burton è così creativo che sembra italiano” chiude Benigni.

Tanti i ricordi ai protagonisti del cinema italiano che non ci sono più: Bertolucci, Ennio Fantastichini, Vanzina. Momenti commuoventi dov’è uscita qualche lacrimuccia. Altre lacrime, ma questa volta per disperazione, quando il cast di A casa tutti bene di Muccino Senior, con il regista, ha intonato Dieci ragazze per me, ma ce ne fosse stato uno intonato. Il film ha vinto il David dello spettatore, assegnato dal pubblico delle sale.

Dogman: Garrone pigliatutto ai David 2019

Miglior film a Dogman di Matteo Garrone. Il film sul “canaro della Magliana” vince anche, tra le nove statuette ritirate, il David di Donatello 2019 per la regia, per la sceneggiatura originale e per l’attore non protagonista, Edoardo Pesce. Nanni Moretti per Santiago, Italia, vince per il miglior documentario. Sale sul palco dei David anche Luca Guadagnino, il regista del film campione d’incassi Chiamami col tuo nome. Alla pellicola va la migliore sceneggiatura non originale e la migliore canzone originale, Mistery of love, mistery come il motivo del successo di questo film, almeno secondo chi vi scrive. Ma questa è un’altra storia.

Scopri anche:
Adriano Giannini: “Io famoso? No, dai…”
Stefano Accorsi, voce ribelle di Tintoretto
Intervista a Roberto Bolle, étoile del Teatro Alla Scala