Cineteca Milano MIC, rassegna Com’è profondo il mare

Cineteca Milano presenta la rassegna dal titolo Com’è profondo il mare. Una serie di capolavori, di diversi generi cinematografici, che esplorano la potenza del mare. Dal cartoon La Sirenetta a Lo Squalo

C’è anche Travolti da un insolito destino nell’azzurro mare di agosto, con Mariangela Melato e Giancarlo Giannini, nel film del 1974 di Lina Wertmüller che ha fatto la storia del cinema (8 settembre). Com’è profondo il mare è il titolo della nuova rassegna di Cineteca Milano MIC. Presso la Sala Cinema MIC (Viale Fulvio Testi, 121), fino al 20 settembre, si può assistere infatti a una carrellata di lungometraggi che hanno in comune l’esplosione della forza dirompente del mare. Storie d’amore o di pirati. Naufragi, viaggi, epiche battaglie. Film d’autore, animazioni, per esplorare tutti i generi cinematografici e attraversare numerosi decenni e paesi di origine. Com’è profondo il mare include Lo squalo, Moby Dick, Point Break, Vita di Pi. Dunkirk, La tartaruga rossa, Ponyo sulla scogliera, Mediterraneo e così via.

Da segnare: Mediterraneo (11 settembre), Oscar per il Miglior Film Straniero di Gabriele Salvatores con Diego Abatantuono, film del 1991 che racconta le avventure di otto soldati del Regio Esercito Italiano in missione nell’Egeo.


Ancora, consigliamo due appuntamenti il 13 settembre. Stromboli – terra di Dio di  Roberto Rossellini con Ingrid Bergman e Mario Vitale. Film del 1950, narra le vicende di una profuga lituana che accetta di sposare un soldato siciliano per uscire dal campo di internamento. Con lui si stabilisce a Stromboli per vivere una condizione di eterno disagio. Com’è profondo il mare prosegue lo stesso giorno con Morte a Venezia di Luchino Visconti con Silvana Mangano, la storia di quel musicista in crisi che nel lussuoso hotel di Venezia fa la conoscenza dell’efebico figlio maschio di una ricca famiglia aristocratica.

Per i più piccoli, l’appuntamento è la domenica con la proiezioni delle avventure della principessa Ariel, La Sirenetta. Per il programma completo e maggiori informazioni, cliccare qui.

Leggi anche:

Gabriele Salvatore racconta a Milanodabere: “Milano mi ha fatto crescere”