milanodabere.it

Bergonzoni

Tutto esaurito per il nuovo spettacolo di Alessandro Bergonzoni! E le
aspettative come sempre non sono state deluse. Scena molto scarna, occupata solo da un divano componibile e due fari.
Ma non servono accessori per riempire il palcoscenico, sono sufficienti le
acrobazie linguistiche, il monologo incessante e velocissimo, che pare uno
scioglilingua. E non si comprende come faccia l’artista a non perdere il
filo dei suoi pensieri e a ricordare il percorso da seguire per divertirci.

Dopo i minuti iniziali, in cui lentamente il ritmo del monologo aumenta,
l’artista abbandona le pagine scritte e si lascia trascinare dalla forza
della sua mente e dalla sua capacità di creare comicità dal nulla,
semplicemente giocando con le parole.
E per due ore perdiamo la cognizione del tempo, e abbiamo la certezza che
se tornassimo ancora vedremmo ogni volta uno spettacolo diverso. Senza
rimanere mai delusi.