area b milano

Trasporto pubblico a Milano, riaccese le telecamere sulle preferenziali

Torna vietata la circolazione di tutti i mezzi non autorizzati. Da lunedì si riaccendono le telecamere sulle preferenziali del trasporto pubblico a Milano

Con il graduale ritorno alla normalità, allo scadere delle misure emergenziali contro la diffusione del Coronavirus, cresce il traffico dei veicoli privati e si rende dunque necessario proteggere il trasporto pubblico.

Per questo motivo, dunque, l’Amministrazione a Palazzo Marino emette un’ordinanza che accompagna le aperture previste dalla prossima settimana. Da lunedì 18 maggio saranno riaccese le telecamere che controllano le corsie preferenziali dei mezzi pubblici e sarà vietata la circolazione di tutti i mezzi non autorizzati.


I dati

Nei giorni scorsi AMAT, società per l’ambiente e la mobilità del Comune, ha rilevato che nel periodo compreso tra il 4 e il 7 maggio si sono registrati, rispetto al periodo precedente in cui sono state vigenti le misure più restrittive, un incremento medio giornaliero della congestione pari a circa il 39%. E un incremento medio giornaliero pari a circa il 79% degli accessi veicolari ai confini del centro abitato rilevati attraverso le telecamere di Area B.

Le dichiarazioni

Sul tema del trasporto pubblico a Milano si esprime pubblicamente Marco Granelli, assessore alla Mobilità. “Ci aspettiamo che a partire da lunedì, con le nuove aperture che saranno definite nei prossimi giorni dal Governo e dalla Regione, vi sia un nuovo incremento di traffico. Per noi è importante dare sempre la priorità al trasporto pubblico. Anche in considerazione della ridotta capacità di trasportare persone per le misure di contenimento. Vogliamo che bus e tram possano circolare in modo fluido. Per questo tornano in vigore tutte le misure che regolamentano la circolazione nelle corsie riservate“.

Leggi anche:

Il Comune di Milano cerca aree private da destinare alla sosta delle auto
Bonus bicicletta fino a 500 euro: come funziona e a chi si rivolge
Drive In per andare al cinema post Coronavirus
Coronavirus: la crisi del settore musicale e il progetto di ripartenza