Scali ferroviari, al via i lavori per la stazione Tibaldi

La fine dei lavori è prevista nel 2023 per un intervento molto attento all’ambiente. Al via i lavori per la stazione Tibaldi, la Circle line prende forma

Un nuovo tassello verso la realizzazione dell’Accordo di Programma per la rigenerazione degli scali Ferroviari. Palazzo Marino fa sapere che il primo luglio partono i lavori per la realizzazione della nuova stazione Tibaldi, all’altezza di via Fedro, vicino all’Università Bocconi. Così facendo, l’Università sarà così ancora più facilmente raggiungibile. La stazione entrerà in servizio nel 2023 come fermata della linea suburbana S9.

Un intervento, quello della stazione Tibaldi, che verrà realizzato da Rete Ferroviaria Italiana e molto attenta al rispetto del tema dell’ambiente. Tra i partecipanti al progetto infatti, ci sono anche Ambiente Italia, WWF e molti altri ancora, tutti a dimostrare, dunque, proprio che una delle caratteristiche della stazione sarà infatti la sostenibilità. Grazie alle azioni promosse nell’ambito di Clever Cites (che tendono a migliorare in loco la biodiversità, la condizione del microclima, la gestione del deflusso delle acque piovane e così via) la nuova infrastruttura di Stazione Tibaldi avrà pareti verdi e barriere anti rumore. Queste, ancora, vedranno l’integrazione di elementi verdi per una migliore estetica e valorizzazione delle biodiversità.


Le dichiarazioni

Con l’avvio dei lavori presso la Stazione Tibaldi la Circle Line inizia a prendere forma – dichiarano gli assessori Pierfrancesco Maran (Urbanistica) e Marco Granelli (Mobilità) -. Milano nei prossimi anni avrà una nuova linea metropolitana, prolungamenti delle altre linee oltre i confini comunali, vedrà il potenziamento dell’alta velocità. In quest’ottica risulta fondamentale la realizzazione della Circle Line, che andrà a potenziare i collegamenti verso la zona sud della città“.

Leggi anche:

Milano in bicicletta: i percorsi sulle due ruote
Milano ti ascolta: il comportamento dei milanesi durante la Fase 1 e Fase 2
Drive In per andare al cinema post Coronavirus
Il Mudec riparte dalla mostra Il mio letto è un giardino