Oggi 12 maggio è la Giornata dell’Infermiere

Oggi è la Giornata dell’Infermiere, celebrata a livello internazionale. Una professione particolarmente esposta in questo periodo di emergenza sanitaria a cui è rivolto il ringraziamento, anche, del Sindaco Sala e di

Il 12 maggio del 1820 nasceva Florence Nightingale, fondatrice delle Scienze infermieristiche moderne. L’International Council of Nurses ricorda questa data celebrando in tutto il mondo la Giornata internazionale dell’Infermiere. Non solo. La Federazione Italiana Ordine Professioni Infermieristiche ricorda che a partire dal 1992 la Federazione nazionale Collegi Ipasvi sostiene la Giornata internazionale dell’Infermiere anche con la diffusione di manifesti che sottolineano l’impegno degli infermieri italiani sui temi della solidarietà e dell’alleanza con i pazienti e le loro famiglie. Un messaggio di importanza sociale particolarmente sentito in questo periodo di emergenza sanitaria che stiamo vivendo a livello mondiale.

Il 12 maggio è così diventato l’occasione per far sì che la professione infermieristica “parli un po’ di sé” con i ricoverati negli ospedali. Con gli utenti dei servizi territoriali, con gli anziani, con chi è a stretto contatto con questi professionisti.


Un ringraziamento sentito alla professione, in occasione della Giornata Mondiale dell’Infermiere, arriva da Milano, da parte del primo cittadino Beppe Sala. Il suo messaggio di ringraziamento arriva dal video quotidiano in cui il Sindaco si rivolge ai suoi concittadini. Anche Regione Lombardia attraverso i suoi canali Social diffonde la sua vicinanza e il suo sentito ringraziamento agli infermieri. Papa Francesco dedica, nella giornata di oggi, il suo pensiero a questa categoria. Svolgono “Una vocazione, una dedizione. E in questa tempo della pandemia hanno dato esempio di eroicità e alcuni hanno dato la vita“.

Leggi anche:

L’app Immuni: ecco cos’è e come funziona
La televisione come rito sociale ha la sua utilità: ecco perché
Milano, attivo il servizio di supporto “4 chiacchiere con l’esperto”