La M2 si rinnova. Il piano di potenziamento della linea metropolitana

La M2 si rinnova. Flotta, tecnologia, impianti ferroviari, accessibilità. Al via il piano di potenziamento senza precedenti per la più lunga delle metropolitane milanesi

La M2 si rinnova. Una serie di interventi a 360 gradi, dalla flotta alle gallerie, dai binari alla rete elettrica, dalle stazioni alla tecnologia. Un progetto di potenziamento completo della linea metropolitana milanese più grande.

La prima fase dei lavori della M2, nella galleria tra Piola e Lambrate, si è conclusa nel 2016. La seconda fase dei cantieri è iniziata in superficie lo scorso mese di febbraio (via Pacini) e si è poi svolta anche in galleria. Tra i principali obiettivi, l’impermeabilità, il sistema di impianti della linea aerea, gli impianti di alimentazione. Sono state rifatte completamente quattro sottostazioni elettriche di nuova generazione a tensione regolabile ed è stata incrementata la potenza. Sono state anche sostituite le cabine di trasformazione e i gruppi elettrogeni di emergenza per l’alimentazione delle stazioni. I lavori della M2 che si concluderanno nel 2020 riguarderanno ancora il rinnovo completo della rete elettrica nella diramazione di Cologno Monzese.


I nuovi lavori della linea

Tra gli interventi più significativi del piano di rinnovo c’è anche l’installazione del nuovo sistema di segnalamento. Una tecnologia che controlla il traffico ferroviario e che governa la circolazione dei treni sulla linea. Il nuovo sistema darà una svolta radicale al servizio della M2, permettendo di far viaggiare più treni contemporaneamente (dai 47 di oggi fino a 54) aumentando la loro frequenza. La linea potrà così trasportare anche più passeggeri, da 40mila a 52mila.

Si progetta anche un piano di ringiovanimento della flotta. I 12 nuovi Leonardo si affiancheranno ai 34 già in servizio oggi sulla linea. Il parco della M2 sarà in definitiva composto da 60 treni, la cui età media passerà entro il 2020 da 10 a 5 anni.

Non mancano, tra i punti del piano di potenziamento, la progettazione di stazioni ristrutturate e accessibili e il superamento delle barriere architettoniche in tutte le stazioni.