Giorgio Armani scrive una lettera aperta al mondo della moda

Giorgio scrive una lettera aperta al mondo della attraverso il noto magazine americano di settore Wwd. Il primo a sfilare a porte chiuse, uno dei primi a fare una generosa donazione per sostenere gli ospedali e la ricerca, ora lo stilista invita a “Rallentare e riallinearsi”. Una lettera che ha fatto il giro del mondo e che ha il sostegno di illustri colleghi come ed Elisabetta Franchi

Il lusso non può e non deve essere fast. (…) Io non voglio lavorare così, è immorale“. Giorgio Armani si fa sentire a voce alta e lo fa attraverso una lettera aperta al mondo della moda. Diffusa attraverso il noto magazine Wwd, Armani invita a riprogettare la moda dopo l’emergenza Covid-19. Meno spettacolo e più importanza “Ai vestiti che durino“. Di nuovo in prima linea, Re Giorgio, dopo la donazione per aiutare la sua città, Milano, colpita dall’allarme sanitario. Dopo essere stato uno dei primi a voler sfilare a porte chiuse durante la settimana della moda e dopo aver riconvertito le sue aziende italiane affinché possano produrre, ora, camici per il personale sanitario. Lo sfogo di Giorgio Armani ha trovato il sostegno di illustri colleghi come Elisabetta Franchi, Donatella Versace, Marco Baldassarri. Ve ne riportiamo un estratto.

Il declino cominciato quando si è rincorso il fast fashion. L’emergenza attuale dimostra invece come un rallentamento attento ed intelligente sia la sola via d’uscita. Una strada che finalmente riporterà valore al nostro lavoro e che ne farà percepire l’importanza e il valore veri al pubblico finale. Il declino del sistema moda per come lo conosciamo è iniziato quando il settore del lusso ha adottato le modalità operative del fast fashion. Carpendone il ciclo di consegna continua nella speranza di vendere di più, ma dimenticando che il lusso richiede tempo, per essere realizzato e per essere apprezzato.


Io non lavoro così, è immorale

Il lusso non può e non deve essere fast. Non ha senso che una mia giacca o un mio tailleur vivano in negozio per tre settimane prima di diventare obsoleti, sostituiti da merce nuova che non è poi troppo diversa. Io non lavoro così, e trovo immorale farlo. Ho sempre creduto in una idea di eleganza senza tempo, che non è solo un preciso credo estetico, ma anche un atteggiamento nella progettazione e realizzazione dei capi che suggerisce un modo di acquistarli: perché durino.

Per lo stesso motivo, trovo assurdo che in pieno inverno in boutique ci siano i vestito di lino e in estate i cappotti di alpaca. Per il semplice motivo che il desiderio d’acquisto va soddisfatto nell’immediato. Chi acquista per mettere in armadio aspettando la stagione giusta? Nessuno o pochi, penso io. (…)

Sono già tre settimane che lavoro con i miei team perché, usciti dal lockdown, le collezioni estive rimangano in boutique almeno fino ai primi di settembre, come è naturale che sia (…). Basta con le sfilate cruise in giro per il mondo per presentare idee blande e intrattenere con spettacoli grandiosi che oggi ci si rivelano per quel che sono: inappropriati, e se vogliamo anche volgari.

(…)Agli operatori americani della moda voglio mandare il mio più sentito incoraggiamento per le settimane difficili che dovremo affrontare. Uniti, ce la faremo. Ma dovremo essere uniti: questa è forse la più importante lezione di questa crisi.

Il testo completo della lettera di Giorgio Armani pubblicata su Wwd si può leggere a questo link.

Leggi anche:

La donazione di Giorgio Armani a Milano in emergenza sanitaria