cimitero monumentale milano

Coronavirus. Riaprono i cimiteri di Milano

Riaprono i cimiteri di Milano. Da martedì 5 maggio sono consentite le visite ai defunti e l’utilizzo di cappelle e sale del commiato

Da martedì 5 maggio riaprono gli otto cimiteri di Milano. L’ordinanza sindacale pubblicata in questi giorni recepisce dunque le indicazioni del Governo e dispone la riapertura dei cimiteri. Si tratta di Lambrate, Baggio, Bruzzano, Chiaravalle, Muggiano, Maggiore, Greco e Monumentale.

Già dalla mattina del giorno precedente, sempre nel rispetto delle attuali norme di protezione e di tutela della salute, l’ingresso è stato consentito a operatori e imprese incaricate dai cittadini per la costruzione, la manutenzione e il decoro di sepolture, delle tombe e dei monumenti.


Consentite le visite durante gli orari di apertura. Ingressi con misure restrittive

Da martedì 5 maggio, invece, come annunciato, saranno consentite le visite ai defunti nei giorni e negli orari ordinari di apertura. Il tutto dovrà avvenire, naturalmente, nel rispetto delle norme di distanziamento sociale di protezione individuale. Sarà inoltre consentito anche l’utilizzo di cappelle e sale del commiato, ad eccezione degli spazi all’interno del Cimitero di Lambrate, che torneranno disponibili a partire dal 16 giugno.

Per controllare e contingentare gli accessi tutti i cimiteri di Milano apriranno una sola porta di ingresso. A partire dal 2 giugno saranno consentiti gli accessi liberi come la partecipazione a iniziative culturali o artistiche o le visite guidate. Il personale cimiteriale provvederà a effettuare controlli finalizzati al rispetto delle norme di distanziamento sociale e di utilizzo di servizi di protezione individuale. Maggiori informazioni sul sito del Comune di Milano.

Leggi anche:

L’app Immuni: ecco cos’è e come funziona
La televisione come rito sociale ha la sua utilità: ecco perché
Durante la fase 2 ci sposteremo tutti con i monopattini
La primavere nelle opere d’arte: la nostra analisi
La riapertura graduale dei mercati scoperti di Milano