Estate in Toscana

Bonus vacanze viaggio in Italia, come funziona

Da oggi e fino al 31 dicembre 2020 con l’app IO si può richiedere e spendere il Bonus previsto dal Decreto Rilancio. Offre un contributo fino a 500 euro per i soggiorni in alberghi, campeggi, villaggi turistici, agriturismi e bed & breakfast in Italia

Una misura di sostegno al turismo interno dopo l’emergenza sanitaria. Si tratta del Bonus Vacanze, che offre un contributo fino a 500 euro per i soggiorni in alberghi, campeggi, villaggi turistici, agriturismi e bed & breakfast in Italia. Potranno ottenere il Bonus Vacanze i nuclei familiari con un reddito ISEE fino a 40mila euro. Consiste in una cifra di 500 euro per i nuclei composti da 3 o più persone; 300 euro per quelli composti da 2 persone; 150 euro per quelli composti da 1 persona.

Come richiedere il Bonus Vacanze

Erogato e disponibile solo attraverso IO, l’app dii servizi pubblici gratuita e disponibile negli store online, qui tutti i dettagli per ottenerla. Valido da oggi al 31 dicembre, al momento della registrazione il bonus richiede l’identià digitale – SPID – e l’Isee.


In che modo utilizzare il buono?

Fino al 31 dicembre 2020, con l’app IO i cittadini possono richiedere il Bonus Vacanze – viaggio in Italia con l’app. Il buono attribuito al nucleo familiare sarà identificato da un codice univoco, a cui sarà associato anche un QR code. Basterà comunicare all’albergatore questo codice, insieme al codice fiscale, al momento di pagare il tuo soggiorno.

Lo sconto potrà essere utilizzato da un solo componente del nucleo familiare, anche diverso dalla persona che ha richiesto il bonus. Si spende in un’unica soluzione, presso un’unica struttura turistica ricettiva in Italia.  Sarà fruibile nella misura dell’80%, sotto forma di sconto immediato, per il pagamento dei servizi prestati dall’albergatore; il restante 20% potrà essere scaricato come detrazione di imposta, in sede di dichiarazione dei redditi.

Agli alberghi, il Bonus Vacanze sarà rimborsato sotto forma di credito d’imposta utilizzabile in compensazione senza limiti di importo, attraverso il modello F24. In alternativa può essere ceduto a terzi, compresi gli istituti di credito e gli intermediari finanziari.

FAQ e ulteriori altre informazioni a questo link.