Beppe Sala: chiudere i locali che non rispettano le regole

Le parole del sindaco di Milano nel suo videomessaggio quotidiano postato sui suoi canali social. afferma di aver chiesto la chiusura di tutti quei locali “Che sono lontanissimi dal rispetto delle regole”

Una fase 2 bis più tormentata del previsto, in particolare per quanto riguarda la questione Movida, così come la definisce il nostro primo cittadino. Nel suo videomessaggio quotidiano, appuntamento fisso sui social, Beppe Sala di dimostra convinto e afferma di aver richiesto la chiusura di tutti quei locali che non rispettano le regole. In questo periodo “Stiamo provando a tornare a una nuova normalità, ci riappropriamo delle nostre abitudini e delle nostre libertà” afferma Sala introducendo due questioni fondamentali.

La riapertura dei mercati

Vi voglio parlare di due questioni – continua Sala – i mercati comunali scoperti e la movida. Sui mercati c’è stata una lunga discussione, le nuove norme portano a un impiego molto consistente di personale per controllare il tutto. Come delimitare, chi conta le persone, chi si occupa di tenere le giuste distanze, chi deve misurare la temperatura all’ingresso… abbiamo trovato un accordo, si possono aggiungere le bancarelle dei non alimentari, da lunedì riapriranno tutti i mercati“.


La movida

A questa notizia si aggiunge l’aspetto più severo del suo messaggio. Aspetto che riguarda la questione movida e i locali a Milano. Precisa Beppe Sala: Purtroppo ero stato un buon profeta arrabbiandomi, prima della riapertura, sulla questione Navigli. Abbiamo un problema e lo hanno tutte le città italiane. Capisco ragazzi e non solo che hanno bisogno di socialità però così il rischio è molto elevato. Con il prefetto abbiamo definito un piano di intervento più deciso. Da stasera più pattuglia, ho chiesto di procedere con più severità alle multe ma soprattutto ho chiesto al prefetto di chiudere quei locali che sono lontanissimi da ogni rispetto delle regole“.

Leggi anche:

Mercati scoperti, la riapertura
Il Comune di Milano su WhatsApp