Attivo il servizio di supporto 4 chiacchiere con l’esperto

Attivo a Milano 4 chiacchiere con l’esperto. Si tratta di un servizio di supporto agli adulti per il benessere di bambini e ragazzi in difficoltà in questo periodo di emergenza sanitaria

Un servizio di supporto telefonico gratuito per genitori, insegnanti ed educatori. Persone, dunque, che hanno a che fare con bambini e adolescenti in difficoltà. Si chiama 4 chiacchiere con l’esperto ed è stato ideato dalla cooperativa E.D.I. – Educazione ai diritti dell’infanzia e dell’adolescenza ONLUS. In collaborazione con l’associazione Ponte e il – Municipio 8.

Si tratta di un progetto psico-educativo. 4 chiacchiere con l’esperto vede infatti anche il sostegno di Fondazione di Comunità Milano, grazie alle donazioni al fondo #MilanoAiuta. Lo scopo è quello di saper rispondere al bisogno di consulenza in campo educativo e di supporto in campo psicologico per promuovere il benessere dei ragazzi attraverso il rafforzamento degli adulti di riferimento. In particolar modo in questo periodo così difficile di emergenza sanitaria e di ripresa in Fase due dell’emergenza. Fase di ripresa, dunque, quest’ultima, ma non per questo meno impegnativa.


A motivare l’organizzazione del servizio, la convinzione che in questo particolare momento i minorenni possono riscontrare più criticità del solito dal punto di vista relazionale. Criticità dovute alla mancanza della relazione tra parti, a conflitti in famiglia. Ancora, alla difficoltà di relazione con gli insegnanti. Difficoltà anche dal punto di vista psicologico, causate dalla paura e dall’incertezza per quanto riguarda il futuro.

Per richiedere il servizio è possibile scrivere una richiesta via mail per poi essere ricontattati; lo si può fare all’indirizzo di posta elettronica 4chiacchiere@edionlus.it.

Leggi anche:

L’app Immuni: ecco cos’è e come funziona
La televisione come rito sociale ha la sua utilità: ecco perché
Durante la fase 2 ci sposteremo tutti con i monopattini
La primavere nelle opere d’arte: la nostra analisi
La riapertura graduale dei mercati scoperti di Milano