MUDEC

Milano riapertura biblioteche, musei e mostre – Ora chiuse

Per disposizioni del nuovo decreto, gli spazi sono chiusi fino al 3 aprile 2020
, a Milano la riapertura di , musei e mostre. Ingressi contingentati a mostre e musei per garantire il rispetto delle misure precauzionali previste dal Governo. Nelle biblioteche riapre il servizio di prestito online e restituzione

Come previsto dal Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri emanato domenica 1 marzo d’intesa con il Ministero della Salute in materia di contenimento del contagio da Coronavirus, il Comune di Milano ha deciso la riapertura delle biblioteche, delle sedi espositive e dei musei civici, nelle modalità indicate di seguito.

Biblioteche

Nelle biblioteche del Sistema Bibliotecario è attivo a partire da martedì 3 marzo, alle ore 14.30 il servizio di prestito dei libri prenotati online e di restituzione. Restano chiuse al pubblico le sale di lettura e consultazione.


Chiuse al pubblico – ma con archivi consultabili online – la Biblioteca d’Arte, Archeologica ed Emeroteca, la Biblioteca Trivulziana e Archivio storico civico. Ancora, l’Archivio Fotografico, il Gabinetto dei Disegni e la Raccolta Bertarelli al Castello Sforzesco. Chiusa anche la Biblioteca del Museo del Risorgimento, del Museo di Storia Naturale e dell’Acquario.

A Milano la riapertura dei musei

Il 3 marzo riaprono con il consueto orario tutti i musei civici. Si tratta dunque di Musei del Castello Sforzesco, Museo del Novecento, GAM | Galleria d’Arte Moderna. E poi ancora Museo Archeologico, MUDEC|Museo delle Culture – Collezione Permanente, Palazzo Moriggia|Museo del Risorgimento. Museo di Storia Naturale, Acquario civico, Palazzo Morando|Costume Moda Immagine, Casa Museo Boschi di Stefano, Casa della Memoria. Resta invece chiuso al pubblico il Planetario.

Le mostre

Riapre regolarmente oggi, 2 marzo, dalle 14.30, a Palazzo Reale la mostra Georges de la Tour. L’Europa della Luce. Guggenheim. La collezione Thannhauser da Van Gogh a Picasso, chiusa durante tutta la scorsa settimana in applicazione dell’ordinanza regionale, sarà prorogata fino a domenica 8 marzo.

La mostra Viaggio oltre le tenebre. Tutankhamon. RealExperience, in programma a Palazzo Reale dal 5 marzo al 14 giugno 2020, aprirà regolarmente al pubblico questo giovedì alle ore 9.30. Roberto Cotroneo. Nel teatro dell’arte, come programmato, sarà aperta al pubblico nell’Appartamento dei Principi di Palazzo Reale dal 6 marzo al 29 marzo 2020, con ingresso libero.

Al MUDEC riapre Elliott Erwitt. Family, in programma a MudecPhoto fino al 29 marzo. Robot. The Human Project è invece stata rimandata. Ri-Scatti, in programma al PAC, posticipata a ottobre, dal 16 al 25.

Tutti i visitatori di mostre e musei sono invitati a rispettare le indicazioni previste dal Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri emanato d’intesa con il Ministero della Salute in materia di contenimento del contagio da Coronavirus. In particolare a tenere una distanza di sicurezza e cortesia di almeno un metro, sia davanti alla biglietteria che durante tutto il percorso di visita e nel bookshop. L’accesso alle sale è contingentato in base alla capienza delle sale stesse.

IL NOSTRO SPECIALE Coronavirus: CLICCA QUI

Milano non si è fermata ed è ripartita streaming

 

Visualizza questo post su Instagram

 

In questi giorni, se pur con misure restrittive, in città stanno riaprendo #biblioteche, #mostre e #musei. Nei giorni scorsi di totale black-out a causa delle ordinanze dovute all’emergenza sanitaria e all’allarme #Coronavirus, però, #Milano ha deciso di rinascere dallo #streaming. Non tutti i concerti e i musei non si sono fermati. Ci sono stati #live in diretta sui social e il #MIC – Museo del Cinema ha offerto le sue pellicole agli utenti previa registrazione gratuita. Non da ultima la @pinacotecabrera ha lanciato un programma #digital. È stato presentato dalle parole di #JamesBradburne, il direttore del museo, nei suoi “appunti per una resistenza culturale”e attuato dai dipendenti dello spazio espositivo che si sono dati da fare tramite i loro canali social. L’idea ha voluto dimostrare come, in questo difficile periodo,

Un post condiviso da Milanodabere.it (@milanodabere_it) in data: