Progettare il futuro post covid-19, maratona digitale

Nel dopo pandemia, come saranno gestiti i luoghi dell’abitare, gli spazi pubblici e le dinamiche urbane? Progettare il futuro. Ne discuteranno 400 fra architetti e progettisti coinvolti nell’evento digitale L’ è cultura e bene comune promosso dal Consiglio Nazionale Architetti

Una 24 ore non-stop dedicata al dialogo, alla progettazione e alla riflessione su come progettare il futuro e il nostro Paese nel post pandemia. È questo lo scopo del convegno L’architettura è cultura e bene comune. La maratona digitale è promossa dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori (CNAPPC). Si svolgerà dalle ore 10 di sabato 23 maggio alle 10 di domenica 24. L’evento sarà trasmesso in live streaming sulla piattaforma Architetti per il futuro, per accedervi basta andare sul sito www.architettiperilfuturo.it. La nuova piattaforma online ospiterà, così, il confronto fra l’intera comunità degli architetti, dei pianificatori, dei paesaggisti e conservatori. Ma anche dei cittadini, delle istituzioni e delle imprese.

Gli oltre 400 interventi in programma ruoteranno attorno a 5 grandi temi: Progettare secondo le sfide globali 2030/50. L’Italia, una rete di Resilient Cities. La sostenibilità dell’Abitare. Rigenerazione urbana: luoghi pubblici, servizi, mobilità e partecipazione. Nuovi modelli virtuosi.


In seguito, la piattaforma permetterà di raccogliere e condividere fino all’autunno suggestioni, idee e contributi. Che confluiranno in una proposta articolata da sottoporre alle istituzioni. “Il , oltre ad averci fatto piombare in una profonda crisi sanitaria ed economica, può rappresentare una gigantesca opportunità verso il cambiamento” spiega Giuseppe Cappochin, Presidente del Consiglio Nazionale Architetti.

Sulla piattaforma si potrà inoltre trovare il manifesto L’architettura è cultura e bene comune, elaborato dal CNAPPC in collaborazione con il comitato scientifico del progetto Architetti per il futuro. Il documento contiene il programma per le Città ed i territori del futuro presentato dal Consiglio Nazionale nel corso dell’ottavo Congresso Nazionale degli Architetti.

Leggi anche:
Prenotazioni musei civici e aperture a scacchiera, come funziona
Milano e i cento anni dell’acquisto collettivo de Il Quarto Stato
M4 San Babila-Largo Augusto: un’area pedonale tra Duomo e Statale