Nasce CASVA, nuovo spazio culturale di aggregazione

CASVA: un nuovo spazio culturale di aggregazione nascerà nella struttura dell’ex mercato in QT8. L’avvio del cantiere previsto nell’estate 2021

CASVA, il Centro Alti Studi per le Arti Visive, sorgerà nel quartiere QT8 al posto dell’ex mercato comunale coperto ai piedi del Monte Stella.

Il progetto trasformerà lo stabile abbandonato tra via Isernia e piazza Santa Maria Nascente nella nuova sede e archivio del CASVA, spazio oggi ospitato in alcuni locali del Castello Sforzesco, con un’ampia parte predisposta per ospitare le iniziative del quartiere.


Le dichiarazioni

Comincia da qui la nuova vita dell’ex mercato comunale nel quartiere QT8 – ha commentato l’assessore alla Mobilità e Lavori Pubblici Marco Granelli -. Abbiamo già messo in sicurezza e illuminato l’area e prevediamo di avviare il cantiere la prossima estate. Si tratta di un progetto molto importante capace di integrare l’offerta culturale del CASVA con le iniziative del Municipio 8”.

L’approvazione del progetto definitivo è un passaggio importante per la nascita di un nuovo spazio culturale in città – ha dichiarato l’assessore alla Cultura Filippo Del Corno –. Dopo la procedura di assegnazione alle imprese potranno infatti cominciare i lavori per la realizzazione della struttura. Accoglierà gli archivi delle più importanti figure della cultura del progetto. Diventerà luogo di incontro, cultura e socialità per il quartiere e la città intera”.

La collezione del CASVA

Recentemente arricchita dell’archivio professionale (dal 1952 al 2015) dell’artista, architetto e designer Enzo Mari, raccoglie gli archivi di molti prestigiosi altri. Luciano Baldessari, Roberto Sambonet, Studio DDL (Jonathan De Pas, Donato D’Urbino e Paolo Lomazzi) e Vittorio Gregotti. Il CASVA si configura già, pertanto, come un centro di rilevanza europea per lo studio dell’architettura, dell’arte e del design del Novecento.

La struttura dell’ex mercato comunale verrà totalmente ristrutturata per ospitare gli archivi del CASVA. Al piano terra, in continuità con lo spazio urbano, sarà allestito uno spazio espositivo di oltre 500 metri quadrati. Spazi dedicati alla ricerca e alla conservazione per l’uso del personale. Locali per la consultazione per ricercatori, studenti e cittadini e spazi per la divulgazione aperti al pubblico in occasione di eventi, mostre, convegni o manifestazioni pubbliche di quartiere. Si aggiunge una caffetteria. Il piano seminterrato, invece, sarà dedicato al deposito e all’archivio del patrimonio documentale del CASVA.