L'interno di una chiesa sconsacrata

Le chiese sconsacrate di Milano, oggi luoghi di cultura

Da biblioteche a studi, da teatri a musei: ecco la nuova vivacissima vita di alcune delle più suggestive chiese sconsacrate di Milano

Tante sono le chiese sconsacrate di Milano e molte di loro ricordano a fatica il loro scopo primario, tanto sono state trasformate nel tempo. Come la Mediateca di Santa Teresa, da chiesa barocca a moderno e importante polo di (in)formazione.

Altre chiese sconsacrate, invece, hanno conservato in tutto e per tutto l’aspetto e l’atmosfera di un edificio sacro, ma al loro interno celano segreti nascosti e non più cimeli religiosi. Come la chiesa di San Paolo Converso, che oggi ospita alcune creazioni dell’artista contemporaneo Yngve Holen.

Chiesa di San Sisto Al Carrobbio

All’interno della chiesa sconsacrata di San Sisto al Carrobbio, nel cuore della zona romana della città, si trova un piccolo gioiello, il museo-studio Francesco Messina. L’artista siciliano, ma milanese di adozione, ha voluto che qui fosse conservata una parte della sua opera, grazie al lascito fatto al Comune di Milano. Il museo ed ex studio dell’artista espone 80 sculture, tra cui gessi, terrecotte policrome e bronzi e una trentina di opere grafiche, come litografie, pastelli e acquerelli.

Dove: via San Sisto, 4 – Milano

Chiesa di San Paolo Converso

La cinquecentesca chiesa di San Paolo Converso, affrescata dai pittori Giulio e Antonio Campi, si trova nel centro storico di Milano, all’incrocio fra corso Italia e piazza Sant’Eufemia. Fino al 7 luglio 2018 all’interno della Chiesa è possibile visitare l’esposizione di tre delle più recenti sculture dell’artista tedesco-norvegese contemporaneo Yngve Holen, ma c’è una programmazione sempre diversa nei diversi periodi dell’anno. Qui dentro, fino a dicembre 2017, c’era per esempio un campo da tennis…

Dove: Piazza S. Eufemia – Milano

Chiesa di Santi Teresa e Giuseppe

Tra le chiese sconsacrate di Milano, c’è la settecentesca chiesa barocca dei Santi Teresa e Giuseppe di via della Moscova, ultima testimonianza di un convento carmelitano di origine seicentesca, era stata abbandonata per decenni, ma da diversi anni è stata conferita dal Comune di Milano alla Biblioteca Nazionale Braidense: oggi la Mediateca di Santa Teresa è una fornitissima biblioteca multimediale, attrezzata di computer, sedie e scrivanie e sempre piena di studenti e amanti della cultura.

Dove: via della Moscova, 28 – Milano

Chiesa di San Carpoforo

La chiesa sconsacrata di San Carpoforo è un piccolo edificio situato nel centro storico di Milano, in via Formentini. La struttura venne acquistata dal comune di Milano nel 1864 e poi affidata nel 1993, in uso gratuito, all’Accademia di Belle arti di Brera, che ancora oggi la utilizza come sede per i corsi di decorazione, restauro e arte sacra contemporanea.

Dove: via Marco Formentini 10 – Milano

Chiesa di Santi Simone e Giuda

Il Teatro Arsenale è situato in un edificio molto antico, le cui fondamenta sono state poste nel 1272: in origine, infatti, era la Chiesa dei Santi Simone e Giuda. Dopo che è stata sconsacrata è diventata un teatro, dove debuttò Edoardo Ferravilla, grande attore milanese. Dal 1978 è un centro di iniziative artistiche teatrali ed è sede della Scuola di Teatro ‘Arsenale’, che realizza spettacoli e iniziative tutte legate all’arte teatrale.

Dove: via Cesare Correnti, 11 – Milano

Scopri anche:
Le chiese sconsacrate di Milano, il luogo ideale dove divertirsi