Anno nuovo al museo: le mostre da non perdere a Milano

Anno nuovo al museo. Ecco un’idea per trascorrere le vacanze di Natale e il 2020 a Milano immersi nel bello, approfittando delle tante mostre in corso e dell’apertura, anche il 31 dicembre, dei principali musei della città

Le vacanze di Natale sono il momento giusto per dedicarsi all’arte e visitare con calma le tante mostre allestite nei bellissimi musei della nostra città. Capodanno al museo, perché no? Anche perché le maggiori gallerie resteranno aperte durante tutto il periodo delle feste, compreso il 31 dicembre. Un’occasione speciale quindi per iniziare il nuovo anno immersi nella bellezza dell’arte. Ecco alcune mostre da non perdere.

Scoprite QUI tutte le mostre a Milano


Capodanno al museo con De Chirico, Palazzo Reale

(Il museo resterà aperto il 24 dicembre dalle 9.30 alle 14.30; il 25 dicembre dalle 14.30 alle 18.30; il 26 dicembre dalle 9.30 alle 22.30; il 31 dicembre dalle 9.30 alle 14.30; il 1 gennaio 2020 dalle 14.30 alle 19.30; il 6 gennaio dalle 9.30 alle 19.30).

Fino al 19 gennaio Palazzo Reale presenta la grande mostra su Giorgio de Chirico curata da Luca Massimo Barbero. Espone circa cento capolavori del maestro della metafisica provenienti dai maggiori musei del mondo. Si potranno così ammirare opere iconiche come Il figliol prodigo, Centauro morente, Le muse inquietanti e le Piazze d’Italia. Da non perdere, poi, anche la mostra Guggenheim. La collezione Thannhauser, da Van Gogh a Picasso con i capolavori della collezione Thannhauser. Presenta (fino al 1 marzo) cinquanta opere di maestri della storia dell’arte tra cui Cézanne, Renoir, Degas, Gauguin, Manet, Monet, Van Gogh e un nucleo importante di opere di Pablo Picasso. Per gli appassionati di alta gioielleria, la mostra (gratuita) Van Cleef & Arpels: il Tempo, la Natura, l’Amore presenta per la prima volta in Italia  (fino al 23 febbraio) l’universo della storica maison di gioielli, dalla sua fondazione (1906) a oggi. Da non perdere anche la mostra (gratuita) Emilio Vedova, dedicata a uno dei più autorevoli artisti italiani del Novecento e allestita nella Sala delle Cariatidi (fino al 9 febbraio); e la mostra fotografica di Letizia Battaglia Storie di strada (fino al 19 gennaio).

Questo slideshow richiede JavaScript.

MUDEC, Impressioni d’Oriente

(Le aperture durante le festività natalizie: 24 dicembre dalle 9.30 alle 14.00; 25 dicembre dalle 14.30 alle 19.30; 26 dicembre dalle 9.30 alle 22.30; 31 dicembre dalle 9.30 alle 14.00; 1 gennaio 2020 dalle 14.30 alle 19.30; 6 gennaio dalle 9.30 alle 19.30).

Fino al 2 febbraio il Museo delle Culture presenta l’affascinante progetto Oriente Mudec. Racconta da diversi punti di vista gli scambi culturali tra Europa e Asia attraverso il tempo. Coinvolge tutti gli spazi espositivi del museo e comprende la mostra Impressioni d’Oriente – Arte e collezionismo tra Europa e Giappone con oltre 170 opere tra dipinti, sculture, stampe e oggetti d’arredo. Che illustrano l’influenza che l’arte orientale ha esercitato sulla cultura artistica occidentale a cavallo tra XIX e XX secolo. Include anche l’esposizione Quando il Giappone scoprì l’Italia: in due sezioni, racconta i primi momenti di contatto e le differenti modalità di relazione tra i due paesi dal 1585 al 1890. Fino al 15 marzo inoltre Mudec Photo presenta la mostra fotografica di Elliott Erwitt Family.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La Fabbrica del Vapore, L’esercito di terracotta

(Durante le feste natalizie il museo osserverà i seguenti orari: 24 dicembre dalle 10.00 alle 17.00; 25 dicembre dalle 14.30 alle 20.00; 26 dicembre dalle 10.00 alle 23.00; 31 dicembre dalle 10.00 alle 17.00; 1 gennaio dalle 14.30 alle 20.00; 6 gennaio dalle 10.00 alle 20.00).

Fino al 9 febbraio la Fabbrica del Vapore presenta per la prima volta in Italia L’Esercito di terracotta e il primo imperatore della Cina. In mostra, oltre trecento pezzi tra soldati, carri da guerra, armi realizzati agli albori dell’impero cinese. Da non perdere anche la mostra Io Robotto – Automi da compagnia, interamente dedicato all’intelligenza artificiale (fino al 19 gennaio).

Museo del 900, Adriana Bisi Fabbri e Filippo de Pisis

(Durante le feste natalizie il museo osserverà i seguenti orari: 24 dicembre dalle 9.30 alle 17.30; 26 dicembre (orario regolare); 31 dicembre dalle 9.30 alle 17.30; 6 gennaio dalle 14.30 alle 19.30).

Fino all’8 marzo 2020 il Museo del Novecento presenta la mostra L’intelligenza non ha sesso, dedicata alla pittrice e caricaturista ferrarese Adriana Bisi Fabbri. L’esposizione si inserisce e anticipa il palinsesto di eventi I talenti delle donne, al centro del programma di mostre a Milano nel 2020. Da non perdere poi anche la retrospettiva su Filippo de Pisis, figura di rilievo della scena artistica italiana del secolo scorso (Ferrara, 1896 – Milano, 1956) in esposizione fino al 1 marzo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Scoprite anche:
Concerto di Capodanno a Milano 2020 in piazza Duomo
Natale 2019 a Milano, speciale
Il Museo della Resistenza in arrivo a Milano