botteghe storiche milano

Botteghe storiche e nuove imprese in mostra in via Dante

Dalle botteghe storiche ai nuovi modelli di impresa. Il commercio si racconta in via Dante, in pieno centro a Milano, con una mostra en plein air visitabile fino al 28 febbraio

Raccontare la città con le sue botteghe storiche e i suoi nuovi modelli d’impresa. Tradizioni e innovazioni, in sole due parole. È quello che accade in pieno centro a Milano, con la mostra Antichi Mestieri e Nuovo Modelli del Commercio a Milano, un percorso en plein air nato dalla collaborazione tra il Comune di Milano e il quotidiano Il Giorno. Fino al 28 febbraio, in via Dante, cittadini e turisti scoprono così una lunghissima tradizione della città, quella delle sue botteghe storiche, fino alle nuove attività di tendenza.

Scopri QUI tutte le mostre a Milano!


La commistione tra tradizione e innovazione, da sempre, costituisce il tratto distintivo della nostra città” – Così commenta l’assessore alle politiche per il lavoro, attività produttive e commercio Cristina Tajani, che prosegue: “Una dimensione che possiamo vivere e respirare ogni giorno passeggiando tra le vie, dalla periferia al centro. Vie in cui spesso convivono fianco a fianco botteghe storiche e nuovi modelli commerciali che interpretano tendenze e nuove esigenze dei clienti“.

Da Barberia Colla a Spirit de Milan e Mare Culturale Urbano

La mostra si può ammirare percorrendo 15 pannelli dal maxi-formato (183×121 cm), attraverso le immagini di Roberto Bettolini. Nelle immagini, i grandi racconti della città: botteghe storiche dall’antica Fornace Curti alla Barberia Colla passando dalla cappelleria Mutinelli. Paride parrucche, Vetreria Grassi, Antica Barbieria Colla e molti altri ancora. Attività con almeno 50 anni di vita, sempre con gli stessi caratteri costruttivi, decorativi e di interesse storico, urbano e architettonico.

Ad affiancare queste icone della tradizione, nuove attività ibride, nate dalla contaminazione e dalla ricerca di nuovi modelli commerciali. Tra queste il Mercato Coperto di Lorenteggio, la libreria Open, lo Spirit de Milan, Mare Culturale Urbano. Oppure ancora Ghepensi M.I., fiore all’occhiello di Nolo, o Potafiori, elegante locale e boutique di fiori a due passi dall’Università Bocconi. Nuove realtà che sorgono dalla riqualificazione di spazi ex industriali o da antiche cascine, un tempo in campagna e oggi fiore all’occhiello delle periferie, ristrutturate, con una nuova vita. Le botteghe storiche si ammirano nel percorso dal Duomo verso il Castello. Camminando per via Dante in senso opposto, invece, si possono ammirare le nuove realtà. Fino al 28 febbraio.

Scopri anche:
Le mostre a Milano del 2019
Mostre 2020: le anticipazioni