La Street Art a Milano raccontata da Wesley Edwards

Valorizzare quartieri e angoli di città, vivacizzandoli di segni e colori. La street art fa ormai parte dell’arredo urbano. Da manifestazione non autorizzata è diventata riconosciuta forma d’arte, oggi esposta in musei di tutto il mondo. L’artista statunitense Wesley Edwards racconta la Street Art di Milano

Oggi andiamo alla scoperta degli artisti di graffiti più famosi di Milano per mostrarvi il meglio del meglio. Sono street artist che hanno usato la propria voce per creare vere e proprie opere d’arte. Raccontano l’anima suburbana della città, la sua storia, i suoi conflitti politici. E il suo spirito giovane per l’arte e la vita che la rendono unica.

Con l’avvento dei media il mondo dei graffiti si è trasformato da cultura underground a fenomeno popolare. Grazie a società come Bombing Science stiamo anche assistendo alla nascita di un’intera industria di prodotti dedicati al mondo dei graffiti. Offrono fantastiche forniture per artisti di tutto il mondo.

Street art a Milano: il Babbo di TVboy

Nel nostro primo pezzo prendiamo in esame un tema che ricorre nei lavori di molti altri artisti. Si tratta del punto di vista politico, espresso attraverso immagini che si affermano come forma di ribellione. In quest’opera di TVboy vediamo un poliziotto arrestare Babbo Natale come se fosse un immigrato clandestino dalla Turchia.

secondo Andrea Ravo Mattoni

Una delle cose che caratterizza la street art milanese è la sua profonda connessione con la storia dell’arte della città. Quest’opera di Andrea Ravo Mattoni è un omaggio a Caravaggio, artista che a Milano iniziò la sua carriera.

Karl Lagerfeld, l’omaggio di Rizek

Questo graffito è un omaggio di Rizek allo stilista Karl Lagerfeld. Se si va a guardare su Instagram il lavoro dell’artista si può notare la passione nel voler mettere la sua creatività in ogni cosa.

La Divina Proporzione di Rancy

L’opera di Rancy è in perfetto equilibrio fra denuncia politica e sogno. Invece di fare appello alla mente dei milanesi, l’artista usa l’illusione della prospettiva per toccare l’anima dello spettatore.

Il futuro, qui e ora

Questo graffito che richiama lo stile di Banksy riesce a trasmettere, pur nella sua semplicità, un messaggio forte e chiaro. Ovvero, il futuro è qui e ora. E non qualcosa che i milanesi possono tenere in fondo alle loro menti, un appuntamento da rimandare. Il momento di agire è adesso.

 

Ale Purio, c’è vita intorno ai binari

Adoro quest’opera sognante di Ale Purio. Mi ricorda un pigro sabato pomeriggio al parco. Trovo che sia un bel pezzo. la varietà di stili e argomenti che gli artisti creano per il pubblico.

Love Seeker di Millo

Quest’opera di Millo intitolata Love Seeker è probabilmente la mia preferita, dal momento che sembra uscita da un blocco per gli appunti. Le sue dimensioni enormi sono in contrasto con la natura invece semplice del disegno. Realizzare qualcosa di simile richiede enorme abilità e impegno.

https://www.instagram.com/p/BwkPVQuhVmN/