Impara l’arte (e non metterla da parte)

Impara l’arte e non metterla da parte di certo, anzi, respirala a pieni polmoni. Se si tratta di arte contemporanea, poi, occorre lasciarsi trasportare da tutta la sua originalissima bellezza.

Dove, come, quando? A Milano, negli spazi di Superstudio Più, dov’è di scena – dal 26 al 28 gennaio – Affordable Art Fair, manifestazione dell’arte nelle sue forme più innovative, pop e contemporanee e giunta alla sua edizione numero otto. Cinque, invece, i buoni motivi per non lasciarsela scappare. Più uno: quello di divertirsi.

1) IL PARTY DI INAUGURAZIONE

Tutto comincia la sera di giovedì 25 gennaio, dalle 18 alle 22, sempre al Superstudio, con l’Opening Party Living with Art.

Al party inaugurale, la performance dell’artista Alan Borguet della galleria Carte Scoperte Art Gallery, il live body painting con Santero 958, il dj set di Andrea Tempo e dj Kramer in collaborazione con Elita. Brindisi e festa come se non ci fosse un domani. Ingresso su invito oppure con prevendita online.

L' arte contemporanea in mostra a Milano

Abbey Road, Bob Marongiu

2) IL GIRO DEL MONDO IN 85 GALLERIE

Volerei da te da Milano fino alla Francia, alla Spagna, al Canada, al Giappone: questi sono solo alcuni dei Paesi che presentano al Superstudio Più gli artisti internazionali più in voga del momento.

E poi ancora, per la prima volta a Milano, la galleria ArtBlue di Singapore con le opere degli artisti vietnamiti più seguiti e più curiosi. In altre parole, ad Affordable Art Fair si può fare il giro del mondo, opera dopo opera. Buon viaggio.

3) L’ARTE SI FA DEMOCRATICA

Arte per tutti: ad Affordable Art Fair è possibile acquistare opere d’arte a costi contenuti, grazie al tetto massimo di 6.000 euro per pezzo. C’è giusto quella parete bianca, in casa, da riempire…

Affordable Art Fair al Superstudio Più fino al 28 gennaio

Le Container, M Chat, Siesta

3) LIVING WITH ART

#AAF è un invito a vivere l’arte ogni giorno, portandola a casa per lasciarsi ispirare, affascinare ed emozionare e, perché no, per iniziare la propria collezione. Oggi semplice visitatore, domani collezionista, dopodomani artista. Chi può dirlo.

4) SCOPRIRE NUOVI TALENTI

Passeggiare tra i collezionisti più esperti o tra le nuove proposte presentate in fiera: tu chiamale se vuoi emozioni. I talenti emergenti, con le loro opere, possono regalare davvero delle emozioni indimenticabili.

Un consiglio? Da tenere d’occhio lo spazio Young Talents curato dai giovani Angelica Gatto ed Emanuele Riccomi, provenienti da CAMPO, il corso per curatori promosso dalla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo. Non dite che non vi abbiamo avvisati.

#AAF: l'arte contemporanea seduce la città

Palma Arte, Angelo Accardi, Blend

5) ARTISTA PER UN GIORNO

Dal 26 al 28 gennaio ci sono in programma tante attività per grandi e piccoli per avvicinarsi al mondo dell’arte in modo facile e divertente. Workshop, incontri con gli artisti, talk per scoprire l’arte contemporanea in tutte le sue impercettibili sfumature. E poi la possibilità di creare un’opera insieme ai nomi più grandi e sentirsi così King for a day. E se non è un buon motivo questo…

Per il programma completo e maggiori informazioni: affordableartfair.com

© Copyright Milanodabere.it – Tutti i diritti riservati