Dantedì: l’Ambrosiana mette online l’opera con le chiose ambrosiane

Il 25 marzo si celebra il primo Dantedì, la giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri di cui nel 2021 ricorreranno i 700 anni dalla morte. La Biblioteca Ambrosiana rende omaggio al Sommo Poeta pubblicando online la Divina Commedia con le chiose ambrosiane

Mercoledì 25 marzo ricorre il primo Dantedì. È la giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri che il Ministero dei Beni Culturali ha voluto istituire per celebrare ogni anno il Sommo Poeta. In previsione del 2021, quando ricorreranno i 700 anni dalla morte del fondatore della nostra lingua. Perché proprio il 25 marzo? Perché tale data è stata individuata dagli studiosi come l’inizio del viaggio ultraterreno della Divina Commedia.

Dantedì. L’appuntamento è dunque per le 12, orario in cui siamo tutti chiamati a leggere versi dell’opera dantesca. Ma le celebrazioni proseguiranno per l’intera giornata con letture e performance. Dove? La prima edizione del Dante-day, a causa dell’emergenza , si svolge a distanza, nel web e sui social. Coinvolge scuole, musei, archivi, biblioteche, Mibact e Miur, Rai e chiunque voglia partecipare, con gli hashtag ufficiali #Dantedì e #IoleggoDante.


L’Ambrosiana e la Divina Commedia

La Biblioteca digitale dell’Ambrosiana rende ora disponibile la celebre Divina Commedia con le chiose ambrosiane. Si tratta di un manoscritto di gran pregio. Nelle pagine del volume, il testo dantesco è collocato a sinistra mentre il lato destro è occupato dalle glosse incolonnate. Sono dette “ambrosiane” in riferimento al luogo in cui era conservato il volume (arrivò in Ambrosiana nel 1609) e furono composte nel 1355 circa. Per scoprire l’opera basta visitare il catalogo della Biblioteca digitale e digitare C 198 inf. Il profilo Instagram della offre qualche anticipazione in pillole dell’opere.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Il martedì è il giorno della Biblioteca digitale! Tra le meraviglie ora disponibili online potete trovare la celebre Divina Commedia con le chiose ambrosiane! Basta andare nel catalogo della Biblioteca digitale e digitare C 198 inf.! 😊 Qui sotto invece alcune info in 💊 su questo straordinario codice 📖 𝐏𝐫𝐨𝐯𝐞𝐧𝐢𝐞𝐧𝐳𝐚: è stato allestito probabilmente in Italia centrale. Arrivò in Ambrosiana nel 1609 insieme alla collezione del bibliofilo Gian Vincenzo Pinelli. 𝐂𝐚𝐫𝐚𝐭𝐭𝐞𝐫𝐢𝐬𝐭𝐢𝐜𝐡𝐞: è un manoscritto di gran pregio, come dimostrano la squisita fattura delle miniature poste in apertura di ogni cantica, la raffinatezza dei fregi, la presenza di disegni geografici ed astronomici, la pergamena ben levigata e la scrittura in bella gotica libraria italiana. 𝐂𝐡𝐞 𝐜𝐨𝐬𝐚 𝐬𝐨𝐧𝐨 𝐥𝐞 “𝒄𝒉𝒊𝒐𝒔𝒆 𝒂𝒎𝒃𝒓𝒐𝒔𝒊𝒂𝒏𝒆”?

Un post condiviso da Pinacoteca Ambrosiana (@pinacotecaambrosiana) in data:

Leggete anche:

La cultura non si ferma: le sessioni del Mibact
Piccolo Teatro online, spettacoli e interviste
PoldiPezzoliStories: le collezioni del Museo Poldi Pezzoli sui social