L’omaggio a Pina Bausch con lo streaming gratuito di Pina

Bim, Romaeuropa e MYmovies celebrano Pina Bausch con lo gratuito del film cult di Wim Wenders, Pina, e un talk a cui partecipare

Bim, Romaeuropa e MYmovies lanciano un evento esclusivo dedicato alla danza e all’arte cinematografica. Con l’obiettivo, ancora una volta, di contribuire all’offerta culturale durante il periodo di lockdown, nella speranza di tornare presto nelle sale cinematografiche e nei teatri. L’appuntamento è per venerdì 8 maggio, alle ore 20.30 sulla piattaforma MYMOVIESLIVE. Qui viene trasmesso in streaming gratuito un dibattito in diretta tra esperti di , cinema, danzatrici e coreografe. Dibattito eguito dal film, candidato al Premio Oscar, Pina di Wim Wenders, che proprio a Pina Bausch ha dedicato il suo capolavoro.

Un omaggio alla grande artista

Attraverso un incontro live e un film rimasto nella memoria per la sua straordinaria potenza visiva, gli appassionati di cinema e danza potranno così assistere a un evento unico. A partire dallo stile performativo senza precedenti di Pina, a 80 anni dalla sua nascita, si cerca di rintracciarne il lascito nelle più recenti generazioni. Senza dimenticare lo sguardo di chi scopre per la prima volta il suo lavoro o di chi, con un approccio differente alle arti coreutiche, lo osserva da lontano.


L’incontro è introdotto da Matteo Antonaci e guidato dalla dramaturg, autrice e studiosa di danza e teatro Gaia Clotilde. Tra le testimonianze, anche quella di Monique Veaute (Presidente della Fondazione Romaeuropa). La partecipazione di Aida Vainieri (danzatrice del Tanztheater Wuppertal Pina Bausch e tra le protagoniste del film), di Francesca Pennini (danzatrice coreografa della compagnia CollettivO CineticO e oggi una delle menti più creative della danza contemporanea italiana) e Marzia Gandolfi (critica cinematografica).

Per partecipare gratuitamente online alla visione del  film in streaming è sufficiente collegarsi dal proprio computer, tablet o device all’indirizzo a questo link e prenotare dunque uno dei posti disponibili nella sala web. Buona visione.

Leggi anche:

La danza non si ferma: gli artisti di DanceHaus Milano
I ballerini del Teatro Alla Scala di Milano e il loro video virale in quarantena
Mostre digitali: i musei attivano il “servizio a domicilio”